Qualificazioni Europei 2020, risultati 10° giornata: Danimarca qualificata con il brivido, Svizzera prima. l’Italia si diverte

Gibilterra-Svizzera 1-6: gli elvetici vincono come da pronostico e, approfittando del pareggio di Dublino tra irlandesi e danesi, si guadagnano qualificazione e primato in un colpo solo. I gol sono di Itten (doppietta), Fassnacht, Vargas, Benito e Xhaka, mentre Styche ha soddisfazione di realizzare la rete della bandiera.

Grecia-Finlandia 2-1: gli ellenici rimontano il gol di Pukki con Mantalos e Galanopoulos e si tengono il terzo posto a discapito della Bosnia.

Irlanda-Danimarca 1-1: la partita è ruvida e nervosa vista la posta in palio e a spuntarla, malgrado il risultato di parità, sono gli ospiti, qualificatisi alla fase finale dell’Europeo, mentre i padroni di casa dovranno ora affrontare gli spareggi (Danimarca seconda con 16 punti e Irlanda terza a 13). Braithwaite sigla la rete del vantaggio danese a ridosso della mezz’ora della ripresa e Doherty ripristina la parità una decina di minuti dopo; l’assalto finale dei verdi è inutile e ad esultare sono gli scandinavi.

Italia-Armenia 9-1: la festa azzurra per un girone strepitoso raggiunge il suo apice in quel di Palermo davanti ad un pubblico allegro e desideroso di divertirsi per non pensare ai suoi drammi (ovviamente sportivi). 10 vittorie su 10 nel girone, primo record; 11 vittorie di fila in un anno solare, record; 9 reti in una partita, quasi record (resiste ancora il 9-0 rifilato agli Usa nel 1948 in un match delle Olimpiadi). Primi gol in nazionale di Zaniolo, che ne fa addirittura due, finalmente di Chiesa, arrivato dopo due legni e un’occasione sfumata per millimetri, e anche per Orsolini, che esordisce in azzurro entrando nella ripresa e sbloccatosi quasi subito. Partecipano alla festa anche Immobile, anche lui in gol per due volte, Barella e persino Romagnoli. Infine, è la volta di Jorginho che, molto umanamente, segna dal dischetto negando il pallone a Chiesa, comunque in rete poco dopo. E gli armeni? Fanno del loro meglio, ma la serata viene dominata subito dall’Italia e così resta solo qualche briciola. Certo, la traversa di Karapetian poco dopo il 20° sfiorando l’1-2 poteva dare un altro gusto alla partita degli ospiti, che molto presto vengono rullati. Ad ogni, modo Babayan segna un gran bel gol sul risultato di 8-0 e almeno lui resterà con un piccolo piacevole ricordo.

Liechtenstein-Bosnia-Erzegovina 0-3: Civic e Hodzic (doppietta) stendono i padroni di casa, ma restano quarti e dicono addio ai sogni europei.

Malta-Norvegia 1-2: King e Sorloth espugnano Ta’ Qali in una sfida inaspettatamente dura nella quale i maltesi erano anche riusciti a pareggiare con Fenech. Malgrado il rigore sbagliato dallo stesso King, i nordici riescono a portare via i tre punti e, approfittando del crollo della Romania, si insediano al terzo posto qualificandosi per gli spareggi.

Spagna-Romania 5-0: gli iberici travolgono i rumeni e li estromettono dagli Europei favorendo gli svedesi. I gol sono di Fabian Ruiz, Moreno (2), Rus (autogol) e Oyarzabal.

Svezia-Far Oer 3-0: Andersson, Svanberg e Guidetti stendono gli isolani in una gara sostanzialmente amichevole.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

15€ Bonus Benvenuto Scommesse al Deposito

Fastbet

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Ludovico Maiorana

Informazioni sull'autore
Sono Ludovico Maiorana, ho 28 anni e sono di Barcellona Pozzo di Gotto. Sono laureando in Scienze Storiche e scrivo per Stadiosport.it.
Tutti i post di Ludovico Maiorana