PSG, Emery punisce Neymar: non convocato dopo la lite con Cavani

Unai Emery, allenatore del Paris Saint Germain, non ha convocato Neymar per la trasferta di Montpellier. La motivazione ufficiale della non chiamata è relativa a un problema al piede, ma secondo l’Equipe, giornale storicamente vicino alle vicende del PSG, si tratterebbe, quasi sicuramente, di una punizione. L’episodio incriminato è il dibattito acceso, con Cavani, per chi avrebbe dovuto battere il calcio di rigore in occasione dell’ultima sfida con il Lione.

Al talento brasiliano non è bastato far parlare di sé per tutta l’estate, sta riuscendo a prendersi tutta la scena nazionale e internazionale anche fuori da Barcellona, ma non solo per i gol realizzati e le belle giocate. Il 25 enne, infatti, avrebbe sfiorato la rissa dopo il match col Lione, in cui aveva litigato con il suo compagno di squadra, Cavani, su chi avrebbe dovuto calciare punizioni e rigori.
Secondo il quotidiano Sport le polemiche sono continuate anche negli spogliatoi a tal punto da portare Neymar a chiedere alla società la cessione del Matador.
psg
Durante la settimana questo polverone sembrava essere finito, prima con la cena organizzata da Dani Alves e poi le scuse, al numero 9, con l’aiuto di Thiago Silva in versione traduttore. Tra i due litiganti sembrerebbe essere sparita la tensione, con Cavani che avrebbe accettato con piacere le scuse di Ney. Resta però da capire, ora, cosa si celi dietro questa esclusione. Davvero il ragazzo è infortunato o c’è ancora del rancore tra i due? Il dubbio rimane.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Orazio Redi

Informazioni sull'autore
Giornalista pubblicista, laureato in Scienze della comunicazione. Amante, sin da piccolo, di calcio e analisi dei linguaggi giornalistici. La citazione, che definisce perfettamente la mia ambizione, è questa qui di Steve Jobs: "L'unico modo per poter fare un ottimo lavoro sta nell'amare ciò che si fa. Il segreto è non accontentarsi mai e inseguire fino alla fine i propri sogni".
Tutti i post di Orazio Redi