Olimpiadi Tokyo 2021: Pizzolato bronzo nel sollevamento pesi. Italia quarta nella sciabola femminile

Olimpiadi Tokyo 2021, altra medaglia per l’Italia: bronzo per Pizzolato nel sollevamento pesi. Le ragazze della sciabola perdono la finale per il terzo posto.

Arriva un’altra medaglia, la ventiquattresima, per l’Italia alle Olimpiadi Tokyo 2021: Federico Pizzolato conquista il bronzo nella gara di sollevamento pesi categoria 81 chili, chiudendo con un pizzico di rammarico per aver tentato l’assalto all’oro.

Il vetiquattrenne siciliano era secondo dopo la prova di strappo, con un totale di 165 chili sollevati (nuovo record italiano), dietro solo al cinese Lyu Xiaojun (poi medaglia d’oro con 374 chili complessivi) e al dominicano Bonnat Michel. Proprio nel tentativo di superare il cinese, Pizzolato si è fatto ingolosire provando un ultimo tentativo di sollevamento (fallito in fase di spinta) da 210 chili nella prova dello slancio. Il risultato finale recita Xiaojun primo con 374 chili sollevati; Michel secondo (367 chili); Pizzolato terzo con 365 chili sollevati in totale. Per il movimento del sollevamento pesi si tratta della terza medaglia centrata in queste olimpiadi, dopo l’argento di Giorgia Bordignon e il bronzo di Mirko Zanni.

VIDEO Antonino Pizzolato Campione d'Europa: 370 kg sollevati, l'azzurro si  esalta verso le Olimpiadi – OA Sport

Manca il bronzo la squadra di sciabola femminile: il quartetto composto da Irene Vecchi, Rossella Gregorio, Martina Criscio e Michela Battiston deve arrendersi alla Corea del Sud, capace di imporsi 45-42 nel computo totale dopo nove assalti. Proprio Battiston, eroina in semifinale contro la Francia al cospetto di Charlotte Lembach, sostituisce Criscio nella tornata di assalti.

Italia che parte nettamente meglio delle avversarie e, dopo cinque frazioni, si trova in vantaggio 25-15 (doppio parziale di 5-1 fra cui quello della giovane Battiston ai danni della campionessa in carica Kim Ji-Heyon). Sembra il via libera verso il bronzo, ma Rossella Gregorio incassa un pesante parziale dalla Yoon al termine della seconda tornata di assalti. Un 5-11 che riporta la Corea sotto (30-26 il punteggio totale).

Qualcosa si inceppa: Battiston, sin lì una furia, subisce un parziale di 3-9 dalla Seo Ji-Yeon, che permette alle avversarie di chiudere davanti il settimo assalto (33-35). La capitama Irene Vecchi prova a caricarsi la squadra sulle spalle, ma non va oltre il 5 pari contro la Yoon (38-40). Chiude Rossella Gregorio, che tiene botta contro la Kim, ma alla fine deve arrendersi col punteggio di 4-5. Il tabellone recita 42-45 per la Corea del Sud, che strappa all’Italia la possibilità di chiudere il programma di scherma con una medaglia.

Bilancio comunque positivo per la squadra azzurra che, pur chiudendo senza ori (non succedeva da Mosca 1980), ma porta a casa cinque medaglie (due argenti e tre bronzi). L’età bassa di alcuni dei protagonisti, (soprattutto al femminile), fa ben sperare per il futuro di un movimento che sta affrontando un ricambio generazionale.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus