NBA All-Star Weekend 2017: al Team World il Rising Stars Challenge

E’ cominciato a New Orleans, Louisiana, l’edizione 2017 dell’All-Star Weekend, manifestazione che culminerà domenica con il 66.esimo All-Star Game tra le stelle della Eastern e della Western Conference. Nella notte si sono disputati il Rising Stars Challenge e l’NBA Celebrity Game.

Jamal Murray, Team World, premiato MVP del Rising Stars Challenge 2017 (foto da: thunderousintentions.com)

NBA ALL-STAR WEEKEND 2017, RISING STARS CHALLENGE: TEAM USA-TEAM WORLD 141-150

Spettacolo e ritmi abbastanza alti per la sfida tra i migliori rookie e sophomore (giocatori al secondo anno in NBA) degli States e del resto del mondo. A partire meglio è il Team World che, su impulso del lettone Porzingis (24+10 rimbalzi) e del bahamense Hield (28), volano sul +11 all’intervallo lungo. Nella ripresa i ritmi si alzano e il Team USA cambia marcia, preso sulle spalle da Kaminsky (33) e da Towns (24+11 rimbalzi). Poi, però, si scatena il canadese dei Denver Nuggets, Jamal Murray, che porta il Team World alla vittoria con una prestazione da 36+11 assist (9/14 da tre), venendo nominato MVP di serata.

https://youtu.be/BYTI0Wb-GII

NBA ALL-STAR WEEKEND 2017, CELEBRITY GAME: TEAM EAST-TEAM WEST 88-59

Tanto divertimento e anche risate nella sfida tra celebrità ed ex giocatori NBA come Baron Davis e Jason Williams. Alla fine, a spuntarla nettamente è stato il Team East (con la stella dei Raptors, Kyle Lowry, nelle vesti di assistant coach), trascinato dai 16+15 rimbalzi di Brandon Armstrong, poi nominato MVP della partita. Al Team West (con Draymond Green come assistant coach) non è bastato Win Butler (22+11 rimbalzi).

https://youtu.be/KTeWwERGND4

 

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo