NBA 2017/18, recap 23 febbraio: Rockets inarrestabili. Bene anche Celtics e Cavs. Raptors e Jazz ko

Sono undici le partite che hanno animato la notte NBA, con conferme ed anche sorprese. Non conosce ostacoli, al momento, la corsa degli Houston Rockets, che al Toyota Center sconfiggono i Minnesota Timberwolves, centrando l’11° vittoria in fila e confermandosi in vetta alla Western Conference. Un successo maturato tra secondo e terzo quarto (43-62 il parziale), grazie al contributo di Harden (31+9 assist) e di Capela (25+11 rimbalzi). Agli ospiti non sono sufficienti Wiggins (21), Towns (18+13 rimbalzi) e Teague (18), ma l’attenzione è catalizzata dalle condizioni del ginocchio destro di Butler, uscito sul finire del terzo quarto dopo esser caduto male dopo aver catturato un rimbalzo. L’ex Bulls si sottoporrà oggi a risonanza magnetica, e ovviamente a Minneapolis sono tutti con il fiato sospeso.

Un Harden da 31 punti e 9 assist guida i Rockets all’11° vittoria di fila, stavolta ai danni dei Twolves (foto da: youtube.com)

Cade la squadra leader della Eastern Conference. I Toronto Raptors, infatti, vengono sorpresi all’overtime all’Air Canada Center dai Milwaukee Bucks, vedendo interrompersi la striscia di 7 vittorie consecutive. Sotto di 10 sul finire del terzo quarto (94-84 a 2’00” dall’ultima pausa), la squadra di coach Casey la riprende per i capelli, con una schiacciata di Valanciunas praticamente a tempo scaduto (110-110). Il finale dell’overtime è thrilling: con 13.1″ da giocare, Antetokounmpo piazza il canestro del +3 (120-117); DeRozan risponde con una schiacciata a 1.3″ dal termine (120-119); a chiuderla, dalla lunetta, è il veterano Jason Terry. Nei Bucks, spiccano Antetokounmpo (26+12 rimbalzi e 6 assist), Middleton (21) e Bledsoe (21+8 rimbalzi). Nei Raptors, il migliore è DeRozan (33+8 rimbalzi).

Approfittano dello stop di Toronto i Boston Celtics e i Cleveland Cavaliers. Boston torna a vincere dopo 3 sconfitte di seguito, espugnando la Little Caesars Arena di Detroit, con un 38-21 nel secondo quarto a segnare il match. Il tedesco Theis (19+7 rimbalzi) ed Irving (18+6 assist) sono i migliori nei Celtics; ai Pistons non bastano Smith (20+6 assist) e Drummond (15+17 rimbalzi), mentre non è granché la serata di Griffin (17 con 5/19 dal campo). Per quanto riguarda i Cavs, ripartono subito, dopo il ko con i Wizards, vincendo al FedEx Forum, campo dei Memphis Grizzlies. Una vittoria netta, propiziata dal duo James (18+14 rimbalzi ed 11 assist)-Hill (18), oltre che da un’ottima prova della panchina (49 punti a referto); Evans (15+10 assist) e Green (15+10 rimbalzi) non evitano a Memphis l’8° ko di fila.

S’infiamma la corsa ai Playoff ad Ovest, con una classifica che, Rockets e Warriors a parte, diventa davvero cortissima. Oltre al ko dei Twolves, a contribuire a tutto ciò è arrivata la vittoria dei Denver Nuggets sui San Antonio Spurs (rispettivamente 4° vittoria e 4° ko consecutivo). Al Pepsi Center, va in scena una partita molto combattuta, risolta dalla tripla doppia di Jokic (28+11 rimbalzi ed 11 assist) e da Harris (23); inutili per i texani Aldridge (38) e Mills (21). Tengono il passo dei Nuggets i Portland Trail Blazers, che riescono in un’impresa non da poco in questo periodo, ovvero espugnare la Vivint Smart Home Arena di Salt Lake City, fermando la striscia positiva degli Utah Jazz, che era giunta a 11 vittorie di seguito. Un successo convincente, quello della franchigia dell’Oregon, con il duo Lillard-McCollum (50 punti in due) in grande evidenza; il solito Mitchell (21) non basta ai Jazz.

I New Orleans Pelicans tengono botta, riuscendo a violare il campo dell’AmericanAirlines Arena, casa dei Miami Heat. Una vittoria soffertissima, arrivata al termine di una partita emozionante e combattuta, chiusa dopo un supplementare con la pesante firma in calce di Anthony Davis (45+17 rimbalzi e 5 stoppate), con l’aiuto di Holiday (29+9 assist e 7 rimbalzi) e Clark (21). Non sufficienti agli Heat le prestazioni di Dragic (30+9 rimbalzi e 8 assist) e Whiteside (19+16 rimbalzi). Restano ad una partita dai Pelicans i Los Angeles Clippers, corsari alla Talking Stick Resort Arena di Phoenix. Angeleni che partono fortissimo (19-0 a 7’20” dalla prima pausa), rifilando ai Suns un 40-18 nel primo quarto, per poi gestire per il resto del match. Con Gallinari tenuto a riposo per un problema alla mano destra, spiccano Williams (35) e Tobias Harris (30+12 rimbalzi), mentre nei Suns i migliori sono stati Warren (27+8 rimbalzi) e Booker (27).

Torniamo ad Est, sempre in zona Playoff. A 24 ore dalla vittoria a Cleveland, cadono in casa, alla Capital One Arena, i Washington Wizards, battuti dagli Charlotte Hornets. Ospiti che fanno la differenza nel secondo quarto, toccando il +20 (60-40 a 3’19” dalla pausa lunga); Washington prova a rientrare, ma non fa meglio del -9 ad inizio terzo periodo, per poi crollare fino al -22 nel finale. Walker (24+7 rimbalzi) e Kaminsky (23) trascinano gli Hornets; Beal (33+6 rimbalzi ed altrettanti assist) è troppo solo nei Wizards. Quarto successo di fila, invece, per gli Indiana Pacers, che abbattono alla BankersLife Fieldhouse gli Atlanta Hawks e agganciano proprio Washington al 4° posto ad Est. Un +23 propiziato da Sabonis (21+13 rimbalzi) e Young (20+5 rubate); negli ospiti, si salva Taylor (17+6 rimbalzi). Infine, allo Staples Center, i Los Angeles Lakers sconfiggono facilmente i Dallas Mavericks, portando sette giocatori in doppia cifra, su tutti Randle, autore di una tripla doppia (18+13 rimbalzi e 10 assist), e Thomas (17). Negli ospiti, i top-scorer sono Barnes (19+7 rimbalzi) e Matthews (19).

Di seguito, il riepilogo della notte:

BOSTON CELTICS (41-19) @ DETROIT PISTONS (28-30) 110-98

ATLANTA HAWKS (18-42) @ INDIANA PACERS (34-25) 93-116

CHARLOTTE HORNETS (26-33) @ WASHINGTON WIZARDS (34-25) 122-105

MILWAUKEE BUCKS (33-25) @ TORONTO RAPTORS (41-17) 122-119 OT

CLEVELAND CAVALIERS (35-23) @ MEMPHIS GRIZZLIES (18-39) 112-89

MIAMI HEAT (30-29) @ NEW ORLEANS PELICANS (32-26) 123-124 OT

MINNESOTA TIMBERWOLVES (36-26) @ HOUSTON ROCKETS (45-13) 102-120

LOS ANGELES CLIPPERS (31-27) @ PHOENIX SUNS (18-42) 128-117

SAN ANTONIO SPURS (35-25) @ DENVER NUGGETS (33-26) 119-122

PORTLAND TRAIL BLAZERS (33-26) @ UTAH JAZZ (30-29) 100-81

DALLAS MAVERICKS (18-41) @ LOS ANGELES LAKERS (24-34) 102-124

*Tra parentesi, i record delle varie squadre.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo