MotoGP, Valentino Rossi: “Nessun avversario è riuscito a farmi smettere”

Valentino Rossi, nonostante le 38 candeline che spegnerà il prossimo 16 Febbraio, si presenta al via della nuova stagione del Motomondiale più che agguerrito che mai, inseguendo il sogno del decimo titolo mondiale. Intervistato dalla Gazzetta dello Sport, il Dottore ha parlato della nuova stagione, analizzando in particolare Maverick Vinales.

Valentino Rossi e Maverick Vinales (foto da: corrieredellosport.it)

Ho avuto avversari fortissimi in carriera e non mi ha mai fatto smettere nessuno” – esordisce netto Valentino – “Penso che non succederà ora. O almeno lo spero. Dipenderà dai risultati chiaramente. Vinales è una bella bega. Speravo che fosse un po’ peggio di Lorenzo, invece è andato subito fortissimo e ora spero non sia meglio. Non so come andranno le cose, anche perchè è davvero giovane, una generazione anche dopo Jorge. Spero che Maverick non si riveli addirittura più forte di lui“.

Su Lorenzo in Ducati, questo è il commento del campione della Yamaha: “Sono molto curioso di vedere come andrà. Vedere se sarà, e quanto competitivo, sarà una delle belle cose di quest’anno. Le dichiarazioni di Claudio Domenicali (clicca qui)? Ho letto ma non so che rispondere…“.

Infine, Rossi torna su quello che sarà il suo futuro una volta ritiratosi dalla MotoGP: “Spero di non deprimermi, anche se fortunatamente sono abbastanza lontano dall’essere depresso come carattere. Quando smetterò, mi mancherà una cosa molto importante e spero di reagire bene. Sicuramente non sarà rimpiazzabile e dovrò cercare di fare diverse. Non so se seguirei la strada intrapresa da Capirossi (sicurezza del Motomondiale), ma ho imparato che non bisogna mai dire mai. Adesso direi di no. E’ interessante, ma preferisco l’idea di lavorare col mio team e fare correre i giovani“.

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo