MotoGP Thailandia 2019, Risultati Libere: comandano le Yamaha, spavento per Marquez

E’ partito nel segno delle Yamaha il weekend del Gran Premio di Thailandia, giunto quest’anno alla seconda edizione. Le moto della Casa di Iwata, infatti, hanno monopolizzato le prime posizioni nelle prime due sessioni di prove libere in quel di Buriram, con Maverick Vinales autore del miglior tempo al mattino e Fabio Quartararo che ha fatto lo stesso al pomeriggio. Proprio nella FP2 abbiamo le quattro M1 piazzate nelle prime cinque posizioni, con lo stesso Vinales ed un ottimo Franco Morbidelli a completare la prima fila virtuale, mentre Valentino Rossi occupa la 5° posizione. Evita il poker Yamaha Jack Miller, che piazza la sua Ducati del team Pramac in 4° posizione, mentre con il 6° tempo c’è Marc Marquez, protagonista suo malgrado di un brutto highside in curva 7 nel corso della prima sessione, in seguito al quale è stato anche portato al Centro Medico del circuito, venendo quindi dichiarato ‘fit’ dai medici. Tornando alla classifica, completano il quadro dei piloti al momento in Q2 Aleix Espargaro su Aprilia, Andrea Dovizioso su Ducati e i due della Suzuki, Alex Rins e Joan Mir.

Il francese Fabio Quartararo, sulla M1 del team Petronas, è risultato il più veloce nel venerdì di Buriram (foto da: motogp.com)

MOTOGP THAILANDIA 2019, RESOCONTO PL1

Maverick Vinales apre il weekend di Buriram, piazzandosi davanti a tutti nella prima sessione con il crono di 1:30.979, unico a sfondare il muro dell’1:31. Alle sue spalle ci sono Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT (+0.191), Marc Marquez, Honda HRC (+0.208), coinvolto nel volo di cui sopra, Andrea Dovizioso, Ducati (+0.226), e Jack Miller, Ducati Pramac (+0.248), il quale completa la top-5. A seguire troviamo un terzetto di italiani composto da Valentino Rossi, Yamaha (+0.503), Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT (+0.590), e Danilo Petrucci, Ducati (+0.614), con Joan Mir, Suzuki (+0.774), e Francesco Bagnaia, Ducati Pramac (+0.820) a chiudere i primi dieci.

Con l’11° tempo c’è Alex Rins, con l’altra Suzuki (+0.868), subito avanti ai fratelli Espargaro, Aleix su Aprilia (+0.886) e Pol su KTM (+0.916), e a Takaaki Nakagami, LCR Honda IDEMITSU (+0.968), ultimo dei piloti entro il secondo di distacco. Andrea Iannone, Aprilia, ha il 15° crono (+1.260), seguito da Tito Rabat, Ducati Avintia Racing (+1.301), Miguel Oliveira, KTM Tech 3 (+1.545), Cal Crutchlow, LCR Honda CASTROL (+1.575), e da Jorge Lorenzo, Honda HRC (+1.859). Completano la classifica Mika Kallio, KTM (+1.898), Hafizh Syahrin, KTM Tech 3 (+2.054), e Karel Abraham, Ducati Avintia Racing (+2.150). Kallio è stato il pilota più attivo, con 23 giri completati; Oliveira, all’opposto, ne ha portati a termine solo 15.

MOTOGP THAILANDIA 2019, RESOCONTO PL2

Come sottolineato in apertura, le Yamaha hanno impressionato in modo più netto nella sessione pomeridiana, occupando quattro delle prime cinque posizioni. Davanti a tutti c’è Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT, in 1:30.404; seguono Maverick Vinales, Yamaha (+0.193), e Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT (+0.221), con Valentino Rossi, Yamaha, in 5° posizione (+0.329); l’unico ad intromettersi è Jack Miller, Ducati Pramac, con il 4° tempo (+0.294). Marc Marquez, Honda HRC, è 6° (+0.487), ma va detto che, nonostante il botto della mattina, ha sfoderato il solito gran passo gara, senza nemmeno fare alla fine il time-attack. Completano i primi dieci Aleix Espargaro, Aprilia (+0.603), Andrea Dovizioso, Ducati (+0.623), e le Suzuki di Joan Mir (+0.682) e di Alex Rins (+0.690).

Subito fuori dalla Q2 virtuale Danilo Petrucci, Ducati (+0.711), e Francesco Bagnaia, Ducati Pramac (+0.750), seguiti dai due alfieri del team LCR, Cal Crutchlow (+0.940) e Takaaki Nakagami (+1.020). Pol Espargaro, KTM, è 15° (+1.095), tallonato da Andrea Iannone, Aprilia (+1.108), e da Karel Abraham, Ducati Avintia Racing (+1.184). Il compagno di box, Tito Rabat, ha il 18° tempo (+1.528), precedendo Miguel Oliveira, KTM Tech 3 (+1.532), Jorge Lorenzo, Honda HRC (+1.545), Mika Kallio, KTM (+1.587), e Hafizh Syahrin, KTM Tech 3 (+2.180). Marquez e Rins hanno portato a conclusione 23 tornate, più di tutti gli altri; come al mattino, in fondo a questa classifica c’è Oliveira, sempre con 15 giri all’attivo.

Qui i tempi e le classifiche complete delle prove libere del venerdì del Gran Premio di Thailandia 2019, classe MotoGP.

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo