MotoGP Rep. Ceca 2018 – Anteprima ed Orari Diretta TV

La breve pausa estiva del Motomondiale è già finita. Questo weekend gli assi delle due ruote si sfideranno a Brno per quella che a tutti gli effetti è il giro di boa della stagione 2018, il decimo appuntamento del calendario, nonché la 26.esima edizione del Gran Premio di Repubblica Ceca (49.esima, includendo anche quelle con denominazione ‘Gran Premio di Cecoslovacchia’). Si preannuncia spettacolo sui saliscendi del Masaryk Circuit (dal nome del primo presidente cecoslovacco, Tomáš Masaryk), con tutti a caccia della lepre Marc Marquez, che ha lasciato il Sachsenring, oltre due settimane fa, forte di un margine di +46 sull’inossidabile Valentino Rossi e di +56 sul compagno di box, Maverick Vinales. Le Yamaha, in crescita, potranno recitare un ruolo da protagoniste, pur se non vanno affatto dimenticati i ducatisti, anche se in difficoltà in termini di risultati nelle ultime uscite. In Moto2, invece, ci attende un nuovo capitolo del duello tra Francesco Bagnaia e Miguel Oliveira, separati da 7 punti; in Moto3, infine, Marco Bezzecchi dovrà andare all’attacco di Jorge Martin, leader della Entry Class con 7 punti sull’italiano.

Vista dall’alto del circuito ceco di Brno (foto da: gotobrno.cz)

MOTOMONDIALE REP. CECA 2018 – IL CIRCUITO DI BRNO

Il circuito di Brno è situato 14 km a nord-ovest dell’omonima città ceca. Inaugurato nel 1920, tra le due guerre mondiali la pista ospita quasi esclusivamente competizioni automobilistiche e, sull’esempio del Nurburgring, si sviluppa su strade di tutti i giorni e per la bellezza di 29.142 metri. Miti come Tazio Nuvolari, Rudolf Caracciola e Luigi Villoresi si contendono la scena in quegli anni, regalando spettacolo agli appassionati locali. Alla fine della Seconda Guerra Mondiale, il tracciato viene accorciato a 17.800 metri, con la prima competizione che si disputa nel 1949, con la vittoria di una Ferrari. Nel 1950 arrivano anche le moto, ma il Motomondiale sbarca ufficialmente solo nel 1965, quando la pista subisce un ulteriore restyling, passando a 13.940 metri. Nonostante i vari interventi, il circuito di Brno continua ad essere caratterizzato da alte velocità e da un’elevata pericolosità tanto che, dopo l’ennesima rivisitazione (10.925 metri) datata 1975, la classe regina abbandona la pista ceca, per poi tornarvi solo nel 1987. In questa occasione debutta il nuovo circuito permanente, della lunghezza di 5.403 metri, composto da 14 curve (8 a destra e 6 a sinistra).

Il layout del circuito ceco di Brno (foto da: en.wikipedia.org)

Percorriamo un giro del Masaryk Ring. Al termine del rettilineo dei box, i piloti affrontano un ampio tornante a destra, intitolato a František Šťastný, alla fine del quale una curva a sinistra immette su un altro rettilineo, prima in salita poi in discesa.  Segue una chicane sinistra-destra (4-5), collegata tramite un allungo in discesa alla zona dello Stadion, un settore guidato, sito in una sorta di anfiteatro naturale e composto da 5 curve, ovvero la 6 e la 7 a destra, la 8 e la 9 a sinistra e la 10 di nuovo a destra. Un nuovo rettilineo in discesa conduce alla curva intitolata a Kevin Schwantz, ovvero un tornante a destra, dopo il quale si riprende a salire, per poi affrontare un’altra chicane sinistra-destra (11-12). Il rettilineo seguente è tutto in salita e porta alla terza ed ultima chicane del circuito, anch’essa sinistra-destra (13-14), dopo la quale si torna sul traguardo.

MOTOGP REP. CECA 2018 – IL PRONOSTICO

Marc Marquez contro tutti. Non può essere altrimenti, visto il pesante sigillo che il Campione del Mondo in carica ha già impresso sulla prima metà di questo 2018. La sua Honda non sarà forse la moto migliore del lotto, ma il Cabroncito ci ha messo tantissimo del suo per presentarsi alla ripresa delle ostilità forte di un rassicurante +46 sul più diretto inseguitore, Valentino Rossi, e con cinque vittorie stagionali, le ultime due di fila. Con tre vittorie, sei podi e 4 pole position a Brno, Marquez ha tutte le carte in regola per compiere un altro importante passo verso il suo settimo titolo mondiale. Sta agli avversari provare a fermarlo. Classifica alla mano, in primis alle Yamaha, che hanno mostrato qualche segnale positivo di crescita nelle ultime gare, nella speranza che la pausa abbia portato qualche altro passo in avanti.

La grinta di Marc Marquez, vittorioso al Sachsenring per il nono anno di fila. Lo spagnolo sarà il favorito anche a Brno (foto da: motogp.com)

Valentino Rossi, quattro podi nelle ultime cinque gare, ma ancora senza vittorie nel 2018, proverà a rompere il digiuno della Casa di Iwata, su una pista che lo ha visto trionfare 7 volte, con 14 podi e 4 pole. Anche Maverick Vinales, in ripresa pur palesando ancora difficoltà nelle prime fasi di gara, può iscriversi alla lotta per il bersaglio grosso. Lontano 56 punti dal connazionale della Honda, l’ex Suzuki ha ottenuto due podi nelle ultime due uscite, anche se a Brno non è mai stato particolarmente fortunato, con due podi ed una pole in carriera sul tracciato ceco.

Il box Yamaha festeggia il doppio podio centrato in Germania da Valentino Rossi e da Maverick Vinales. Riusciranno a Brno ad interrompere un digiuno che dura ormai dal GP d’Olanda 2017? (foto da: twitter.com/MotoGP)

Poi ci sono le Ducati ufficiali, molto distanti in classifica, con Andrea Dovizioso 4° a -77 (ex-aequo con Johann Zarco), seguito da Jorge Lorenzo a -80 e da Danilo Petrucci a -81. Un gap troppo ampio, che non rende onore alle qualità della GP18, spiegato dai troppi passaggi a vuoto dei piloti. Ciò detto, almeno come tappa parziale i piloti di Borgo Panigale potranno sicuramente dire la loro. Il Dovi vanta 4 podi in Repubblica Ceca, mentre ben più corposo è il palmares di Lorenzo, con 5 vittorie, 9 podi e 5 pole position. Tra gli outsider, oltre al Petrux, attenzione alle Suzuki di Andrea Iannone ed Alex Rins, a Cal Crutchlow, vincitore qui nel 2016, e a Johann Zarco, pur reduce da un momento tutt’altro che positivo. Da segnalare il rientro di Franco Morbidelli, dopo aver saltato Assen ed il Sachsenring per l’infortunio alla mano sinistra.

REP. CECA 2018: PRONOSTICO MOTO2 E MOTO3

Situazione incandescente in Moto2. Il leader Francesco Bagnaia, dopo la gara sfortunata in Germania, proverà ad allungare nuovamente su Miguel Oliveira, staccato di 7 lunghezze (148 a 141), pur non approfittando a pieno del 12.esimo posto rimediato nell’ultima uscita. Ci si aspetta un segnale di risveglio da Alex Marquez, 3° a -35 e anche lui in affanno al Sachsenring. Nel gruppo dei papabili per la vittoria rientrano Joan Mir, reduce dal miglior risultato finora in Moto2 (2°), Brad Binder, vincitore in Germania, e Lorenzo Baldassarri, che deve cancellare gli ultimi due zeri.

Prima vittoria in Moto2 in Germania per Brad Binder, Campione della classe Moto3 nel 2016 (foto da: motogp.com)

In Moto3, invece, ci si attende un nuovo capitolo del duello tra Jorge Martin e Marco Bezzecchi, anche loro separati da 7 punti (130 a 123), con lo spagnolo (5 successi su 6 gare portate a termine) che riveste i panni del grande favorito. Dei piloti ancora in odore di lotta iridata, i riflettori saranno puntati in primis su Aron Canet (3° a -38) e Fabio Di Giannantonio (4° a -39), così come non va sottovalutato assolutamente Enea Bastianini (5° a -46). Per il podio, da tener d’occhio anche Gabriel Rodrigo, il padrone di casa Jakub Kornfeil, Marcos Ramirez, i nostri Andrea Migno e Lorenzo Dalla Porta, e lo scozzese John McPhee, 3° in Germania. 

MOTOMONDIALE REP. CECA 2018 – METEO ED ORARI TV

Per il fine settimana di Brno, il meteo dovrebbe riservare bel tempo e temperature molto alte. In particolare venerdì, con cielo sereno e temperature comprese tra i 28 C° del mattino ed i 34 C° del pomeriggio. Cielo sereno o poco nuvoloso per la giornata di sabato, con le temperature che, mentre al mattino saranno sui 28/29 C°, al pomeriggio per le Qualifiche dovrebbero arrivare sui 33 C°. Situazione pressoché identica per la giornata di domenica. Per quanto la copertura televisiva, il Gran Premio di Germania 2018 sarà visibile in diretta sia sul satellite (Sky Sport MotoGP HD) chesul digitale (TV8).

MOTOMONDIALE REP. CECA 2018 SKY (DIRETTA)

Venerdì 3 Agosto

PL1 Moto3 09:00-09:40
PL1 MotoGP 09:55-10:40
PL1 Moto2 10:55-11:40
PL2 Moto3 13:10-13:50
PL2 MotoGP 14:05-14:50
PL2 Moto2 15:05-15:50

Sabato 4 Agosto

PL3 Moto3 09:00-09:40
PL3 MotoGP 09:55-10:40
PL3 Moto2  10:55-11:40
Qualifiche Moto3 12:35-13:15
PL4 MotoGP 13:30-14:00
Q1 MotoGP  14:10-14:25
Q2 MotoGP  14:35-14:50
Qualifiche Moto2 15:05-15:50

Domenica 5 Agosto

Warm Up Moto3 08:40-09:00
Warm Up Moto2 09:10-09:30
Warm Up MotoGP 09:40-10:00
Gara Moto3 11:00
Gara Moto2 12:20
Gara MotoGP 14:00

MOTOMONDIALE REP. CECA 2018 TV8 (DIRETTA)

Sabato 4 Agosto

Studio MotoGP 11:30
Qualifiche Moto3 12:30
Studio MotoGP 13:15
Qualifiche MotoGP 14:00
Studio MotoGP 14:50
Qualifiche Moto2 15:00

Domenica 5 Agosto

Studio MotoGP 10:00
Gara Moto3 11:00
Studio MotoGP 12:00
Gara Moto2 12:20
Studio MotoGP 13:15
Gara MotoGP 14:00 
Studio MotoGP 15:00

MOTOMONDIALE REP. CECA – ALBO D’ORO (SOLO 500/MOTOGP)

Il Gran Premio Motociclistico della Repubblica Ceca, e prima ancora della Cecoslovacchia, affonda le sue radici nel secondo dopoguerra e si tiene a Brno sin dal 1950. Dopo le prime 14 edizioni non valevoli per il Mondiale, l’evento entra a far parte del calendario iridato a partire dal 1965 e, fino al 1982, il Gran Premio di Cecoslovacchia si disputa ininterrottamente (anche se la classe 500 corre solo in 11 edizioni su 18). Dopo altre 4 edizioni non valevoli per il Motomondiale, nel 1987, il Mondiale ritorna e lo fa in pianta stabile, grazie alla costruzione del nuovo circuito. Il Gran Premio di Cecoslovacchia si disputa fino al 1991 mentre, a partire dal 1993, la denominazione cambia in Gran Premio di Repubblica Ceca.

Immagine d’epoca del primo Gran Premio iridato disputato a Brno. Anno 1965, GP di Cecoslovacchia classe 500, vinto dall’inquadrato Mike Hailwood (foto da: twitter.com/MotoGP)

In vetta alla classifica dei più vincenti in terra ceca troviamo un terzetto di centauri italiani, tutti a quota 7 successi: parliamo di Giacomo Agostini (4 in classe 500 (1968-69, 1972-73) e 3 in classe 350 (1968-70)), Max Biaggi (4 in classe 250 (1994-97), 2 in classe 500 (1998, 2000) ed uno in MotoGP (2002)) e Valentino Rossi (4 in MotoGP (2003, 2005, 2008-09), ed uno tra 500 (2001), 250 (1999) e 125 (1996, la sua prima vittoria nel Motomondiale)). A quota 6 troviamo i britannici Phil Read (3 in classe 250 (1965, 1967-68), 2 in classe 500 (1974-75) ed uno in classe 125 (1968)) e Mike Hailwood (3 in classe 500 (1965-67), 2 in classe 350 (1966-67) ed uno in classe 250 (1966)). A quota 5 vittorie, quindi, abbiamo il tedesco Anton Mang (3 in classe 250 (1980-81, 1987) e 2 in classe 350 (1980-81)) e lo spagnolo Jorge Lorenzo (2 in classe MotoGP (2010, 2015) ed in classe 250 (2006-07) ed una in classe 125 (2004)).

Gran Premio di Repubblica Ceca 1996, classe 125. Valentino Rossi centra la sua prima vittoria nel Motomondiale (foto da: motogp.com)

(1965) – Brno – Mike Hailwood (GBR, MV Agusta)

(1966) – ” ” – Mike Hailwood (GBR, Honda)

(1967) – ” ” – Mike Hailwood (GBR, Honda)

(1968) – ” ” – Giacomo Agostini (ITA, MV Agusta)

(1969) – ” ” – Giacomo Agostini (ITA, MV Agusta)

(1972) – ” ” – Giacomo Agostini (ITA, MV Agusta)

(1973) – ” ” – Giacomo Agostini (ITA, MV Agusta)

(1974) – ” ” – Phil Read (GBR, MV Agusta)

(1975) – ” ” – Phil Read (GBR, MV Agusta)

(1976) – ” ” – John Newbold (GBR, Suzuki)

(1977) – ” ” – Johnny Cecotto (VEN, Yamaha)

(1987) – ” ” – Wayne Gardner (AUS, Honda)

(1988) – ” ” – Wayne Gardner (AUS, Honda)

(1989) – ” ” – Kevin Schwantz (USA, Suzuki)

(1990) – ” ” – Wayne Rainey (USA, Yamaha)

(1991) – ” ” – Wayne Rainey (USA, Yamaha) – Ultimo come Gran Premio di Cecoslovacchia

(1993) – ” ” – Wayne Rainey (USA, Yamaha) – A partire da questa edizione come Gran Premio di Repubblica Ceca

(1994) – ” ” – Mick Doohan (AUS, Honda)

(1995) – ” ” – Luca Cadalora (ITA, Yamaha)

(1996) – ” ” – Alex Criville (SPA, Honda)

(1997) – ” ” – Mick Doohan (AUS, Honda)

(1998) – ” ” – Max Biaggi (ITA, Honda)

(1999) – ” ” – Tadayuki Okada (JPN, Honda)

(2000) – ” ” – Max Biaggi (ITA, Yamaha)

(2001) – ” ” – Valentino Rossi (ITA, Honda)

(2002) – ” ” – Max Biaggi (ITA, Yamaha)

(2003) – ” ” – Valentino Rossi (ITA, Honda)

(2004) – ” ” – Sete Gibernau (SPA, Honda)

(2005) – ” ” – Valentino Rossi (ITA, Yamaha)

(2006) – ” ” – Loris Capirossi (ITA, Ducati)

(2007) – ” ” – Casey Stoner (AUS, Ducati)

(2008) – ” ” – Valentino Rossi (ITA, Yamaha)

(2009) – ” ” – Valentino Rossi (ITA, Yamaha)

(2010) – ” ” – Jorge Lorenzo (SPA, Yamaha)

(2011) – ” ” – Casey Stoner (AUS, Honda)

(2012) – ” ” – Dani Pedrosa (SPA, Honda)

(2013) – ” ” – Marc Marquez (SPA, Honda)

(2014) – ” ” – Dani Pedrosa (SPA, Honda)

(2015) – ” ” – Jorge Lorenzo (SPA, Yamaha)

(2016) – ” ” – Cal Crutchlow (GBR, Honda)

(2017) – ” ” – Marc Marquez (SPA, Honda)

 

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo