MotoGP Aragon 2018 – Anteprima ed Orari Diretta TV

Prima di partire per la lunga trasferta tra Estremo Oriente ed Australia, arricchita quest’anno dalla new entry Thailandia, il Circus del Motomondiale fa tappa alla Ciudad del Motor de Aragón, altrimenti noto come Motorland Aragón, ad Alcaniz. Il circuito ospiterà questo weekend la 14.esima prova della stagione 2018, nonché la nona edizione del Gran Premio d’Aragona. Su un circuito che l’ha visto trionfare nelle ultime due edizioni, Marc Marquez proverà a puntellare ulteriormente una classifica che già lo vede leader incontrastato, forte dei suoi 67 punti di vantaggio sul più diretto inseguitore, ovvero Andrea Dovizioso. Il vincitore dell’ultima gara di Misano Adriatico, insieme al compagno di box Jorge Lorenzo, si ritrova con le possibilità più concrete di cercare almeno di mettere i bastoni tra le ruote al #93. Puntano al riscatto, dopo la débacle nell’ultima uscita, i due della Yamaha, chiamati a riscattare un’annata davvero avara di soddisfazioni. In Moto2, pronti ad un nuovo confronto Francesco Bagnaia e Miguel Oliveira, divisi in classifica da 8 punti, in vantaggio del torinese. In Moto3, invece, Jorge Martin cercherà l’allungo su Marco Bezzecchi, distante anche lui 8 punti dal rivale.

MOTOGP ARAGÓN 2018 – IL PRONOSTICO

Visto il recente passato, qui ad Alcaniz, Marc Marquez può essere tranquillamente indicato come il favorito numero uno del Gran Premio d’Aragona. Con 4 vittorie, 5 podi, 6 pole position e 2 giri record, il Cabroncito è stato finora il miglior interprete del circuito aragonese e, forte della sua tranquilla situazione in classifica, sarà libero sia di gestire la situazione sia di provare ad andare all’attacco. Il tutto con l’obiettivo di compiere un altro deciso passo verso il settimo titolo mondiale che, procedendo così, potrebbe già arrivare a Motegi. Agli avversari, detto sinceramente, non resta che provare a rinviargli il più possibile l’ennesima festa iridata.

Marc Marquez, durante le prove libere del Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini 2018 (foto da: motogp.com)

A partire dai due piloti di Borgo Panigale. Dal ritorno dalla pausa estiva, non c’è dubbio che la ‘Rossa’ si sia dimostrata la moto più in forma di tutta la griglia, con Andrea Dovizioso vincente a Brno e a Misano Adriatico, mentre Jorge Lorenzo a festeggiato in quel del Red Bull Ring, senza dimenticare la sua pole a Silverstone, con la gara poi annullata per i fatti che tutti sappiamo. Il rammarico in casa Ducati, per quello che poteva essere e non è stato, è grande, ma la realtà parla di un Dovi staccato di 67 lunghezze da Marquez, mentre Jorge ne paga addirittura 91, con la scivolata di due settimane fa che lo ha definitivamente estromesso da ogni discorso iridato, seppur ipotetico.

C’è anche un altro fatto di cui tener conto, ed è il feeling non eccezionale che la Ducati prova con il circuito di Motorland Aragón, avendo vinto solo nella prima edizione con Casey Stoner, nell’ormai lontano 2010. Dei due piloti, è sicuramente Lorenzo quello ad aver fatto meglio a queste latitudini, con 2 vittorie, 7 podi (tutti consecutivi, dal 2011 in poi), una pole (ben 6 le partenze in prima fila) e 2 giri record. Molto più complesso il discorso del Dovi che, oltre a non aver mai vinto né esser mai partito in pole qui, ha all’attivo un solo podio (3° nel 2012) ed un 4° posto in qualifica come personal best (2016).

Andrea Dovizioso festeggia con il tricolore in mano la netta vittoria di Misano Adriatico (foto da: motogp.com)

Reduci dall’ennesima brutta figura di questo travagliato 2018, che li vede ancora a secco di vittorie, i due della Yamaha, Valentino Rossi e Maverick Vinales, proveranno ad alzare la testa in questo appuntamento spagnolo. Il Dottore, scavalcato al 2° posto in classifica da Dovizioso dopo il deludente 7° posto davanti al suo pubblico di Misano Adriatico, finendo a -70 da Marquez, andrà a caccia di un buon risultato su un circuito, però, che non l’ha mai visto trionfare in carriera né mai partire dalla pole, rimediando una sola prima fila (3° lo scorso anno, al rientro dopo l’infortunio alla gamba destra che lo estromise dal Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini) e 3 podi (ovvero 3° terzi posti). Leggermente migliore il curriculum ad Alcaniz di Maverick Vinales, con una vittoria e tre podi totali (tutti però tra le classi 125, Moto3 e Moto2), con anche due pole ed un giro record.

ARAGÓN 2018 – PRONOSTICO MOTO2 E MOTO3

Si prospettano molte emozioni nelle classi propedeutiche. Nella Middle Class, archiviata la bufera per il caso Fenati-Manzi (il team Marinelli Snipers sostituirà l’ascolano da qui a fine stagione con il 20enne Xavi Cardelus, nativo di Andorra La Vella), è tutto pronto per un nuovo capitolo dell’appassionante duello tra Francesco Bagnaia e Miguel Oliveira. I due, rispettivamente 1° e 2° a Misano, sono divisi da 8 punti (214 a 206), sono i favoriti d’obbligo anche a Motorland Aragón, circuito nel quale il portoghese vanta già una vittoria, ottenuta in Moto3 nel 2015. Per il gradino più basso del podio (sulla carta), abbiamo un folto gruppo di contendenti, ovvero tutti i piloti racchiusi tra la 3° posizione di Brad Binder e la 10° di Fabio Quartararo. Oltre al sudafricano ed al francese, abbiamo i nostri Lorenzo Baldassarri e Mattia Pasini, gli spagnoli Joan Mir, Alex Marquez e Xavi Vierge ed il tedesco Marcel Schrotter, reduce dal primo podio in carriera a Misano.

Francesco Bagnaia posa con gli uomini del suo team, dopo la bella vittoria di Misano Adriatico (foto da: twitter.com/PeccoBagnaia)

Attesa anche per la Moto3, che due settimane fa in Riviera ha vissuto un appuntamento che ha inciso molto sulla classifica. La caduta di Marco Bezzecchi, mentre era al comando alla fine del penultimo giro, ha trasformato un potenziale +17 (o anche +21) in un reale (e doloroso) -8 in favore di Jorge Martin (158 a 166). Lo spagnolo, decisamente il più veloce in qualifica (7 pole su 11 qualifiche disputate, 16 in carriera, tutte nelle ultime due annate), ha una ghiotta occasione per provare a sua volta un allungo, mentre il rivale italiano dovrà rialzarsi e tornare all’attacco. Ma il discorso iridato non è chiuso a loro due, essendoci Fabio Di Giannantonio, compagno di box di Martin, che può ancora dire la sua, essendo staccato 29 punti dalla vetta (137). Più complicato il discorso per Aron Canet (118) ed Enea Bastianini (117), i quali pagano caro l’esser stati incolpevolmente coinvolti nella caduta di Jaume Masià a Misano. Per il podio, oltre ai due centauri poc’anzi menzionati, potranno dire la loro anche Lorenzo Dalla Porta, reduce dalla sua prima vittoria di carriera, l’argentino Gabriel Rodrigo, il ceco Jakub Kornfeil e gli altri spagnoli Albert Arenas, Marcos Ramirez e, se in giornata, proprio Masià.

Jorge Martin, leader della classifica della Moto3 con 8 punti di vantaggio su Marco Bezzecchi (foto da: motogp.com)

MOTOGP ARAGÓN 2018 – METEO ED ORARI TV

Bel tempo e temperature estive. Questo sarà il quadro, per quanto riguarda il meteo, che i centauri del Motomondiale si troveranno ad affrontare questo weekend per il Gran Premio d’Aragona. Cielo sereno o poco nuvoloso venerdì, con temperature che, dai 23 C° di primo mattino, saliranno fino a toccare punte di 34 C° nel pomeriggio. Situazione pressoché identica per la giornata di sabato, mentre domenica ci si aspetta addirittura un leggero aumento delle temperature che, nel finale della gara della MotoGP, potrebbero sfiorare i 35 C°. Passando al palinsesto televisivo, l’appuntamento di Motorland Aragón sarà visibile in diretta esclusiva su Sky Sport MotoGP HD e in differita su TV8.

MOTOMONDIALE ARAGÓN 2018 SKY (DIRETTA ESCLUSIVA)

Venerdì 21 Settembre

PL1 Moto3 09:00-09:40
PL1 MotoGP 09:55-10:40
PL1 Moto2 10:55-11:40
PL2 Moto3 13:10-13:50
PL2 MotoGP 14:05-14:50
PL2 Moto2 15:05-15:50

Sabato 22 Settembre

PL3 Moto3 09:00-09:40
PL3 MotoGP 09:55-10:40
PL3 Moto2  10:55-11:40
Qualifiche Moto3 12:35-13:15
PL4 MotoGP 13:30-14:00
Q1 MotoGP  14:10-14:25
Q2 MotoGP  14:35-14:50
Qualifiche Moto2 15:05-15:50

Domenica 23 Settembre

Warm Up Moto3 08:40-09:00
Warm Up Moto2 09:10-09:30
Warm Up MotoGP 09:40-10:00
Gara Moto3 11:00
Gara Moto2 12:20
Gara MotoGP 14:00

MOTOMONDIALE ARAGÓN 2018 TV8 (DIFFERITA)

Sabato 22 Settembre

Studio MotoGP 18:15
Sintesi Qualifiche Moto3, MotoGP e Moto2 19:45
Studio MotoGP 21:00

Domenica 23 Settembre

Studio MotoGP 18:30
Gara Moto3 19:00
Studio MotoGP 20:00
Gara Moto2 20:20
Studio MotoGP 21:15
Gara MotoGP 21:30

MOTOGP ARAGÓN – ALBO D’ORO (SOLO MOTOGP)

Pensato inizialmente come rimpiazzo del mai rientrato Gran Premio d’Ungheria, il Gran Premio d’Aragona fa il suo debutto nella stagione 2010 del Motomondiale, per poi non uscirne più dal calendario. Quella di quest’anno, come sottolineato in apertura, sarà la nona edizione del Gran Premio, il più giovane dei quattro appuntamenti in terra spagnola. Il pilota ad essersi distinto maggiormente è Marc Marquez, il quale vanta 4 vittorie (3 in classe MotoGP (2013, 2016-17) ed una in classe Moto2 (2012)). Con due vittorie a testa, quindi, seguono Casey Stoner (entrambe in classe MotoGP (2010-11)), Jorge Lorenzo (anche lui nella classe regina (2014-15)) e Pol Espargaro (una in classe 125 (2010) ed una in classe Moto2 (2012)). Poca fortuna per gli italiani, vincitori solo nel 2010 in Moto2 con Andrea Iannone, nel 2014 in Moto3 con Romano Fenati e lo scorso anno, di nuovo in Moto2, con Franco Morbidelli.

Marc Marquez, vittorioso ad Aragón nell’edizione 2017. Il pilota HRC vanta 4 vittorie sul circuito aragonese (foto da: beritabintang.com)

(2010) – Motorland Aragón – Casey Stoner (AUS, Ducati)

(2011) – ” ” – Casey Stoner (AUS, Honda)

(2012) – ” ” – Dani Pedrosa (SPA, Honda)

(2013) – ” ” – Marc Marquez (SPA, Honda)

(2014) – ” ” – Jorge Lorenzo (SPA, Yamaha)

(2015) – ” ” – Jorge Lorenzo (SPA, Yamaha)

(2016) – ” ” – Marc Marquez (SPA, Honda)

(2017) – ” ” – Marc Marquez (SPA, Honda)

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SISAL

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo