MotoGP, Aleix Espargaro: “L’Aprilia non è lontana dai migliori”

Dopo un positivo 2016, in particolare nella sua seconda metà, l’Aprilia ha deciso di cambiare totalmente lineup, per provare a fare un ulteriore salto di qualità. Via Bautista e Bradl, dentro Aleix Espargaro e Sam Lowes. Proprio l’ex Suzuki è stato protagonista di una lunga intervista con Livegp.it, nella quale ha toccato svariati temi, dagli ultimi test alla situazione della Aprilia, parlando anche di sè e del fratello Pol.

Aleix Espargaro, con la Aprilia durante gli ultimi test di Sepang (foto da: motogp-news.ru)

C’è ancora del lavoro da fare, chiaro. Ma sono molto contento, soprattutto perchè il gap dai migliori non è grandissimo” – sottolinea il maggiore dei fratelli Espargaro – “Mi trovo benissimo con la squadra e sono onorato di lavorare con loro. Abbiamo davanti a noi una bella avventura con la Aprilia, dovendo far crescere la moto, svilupparla; in pratica quello che ho fatto nel biennio in Suzuki“.

Al momento, il nostro obiettivo è quello di essere in top-10 sin dal Qatar” – prosegue lo spagnolo – “In passato guidai già una Aprilia, ovvero la CRT del Team Aspar, con la quale vinsi il relativo campionato. Una moto con un motore poco potente ma con un super telaio; comunque, una cosa completamente diversa dalla moto attuale“.

Aleix passa quindi a parlare del fratello Pol, che ha lasciato il team Tech3 per la KTM. “E’ sempre fantastico poter lottare con lui” – sottolinea il 27enne di Granollers – “Ed è un piacere avere tuo fratello minore nel paddock e in MotoGP. Entrambi vivremo un’avventura molto simile, anche se lui in KTM. Sarà la sua prima volta in un team ufficiale e sono curioso di vedere come se la caverà“.

Su Sam Lowes: “E’ molto simile a me, estroverso, aperto” – dice Aleix – “Viene dalla Moto2 e per lui non sarà facile, anche se è un pilota molto forte. Ci serve uno che capisca velocemente come andare forte con la MotoGP, rendendo quindi lo sviluppo della moto molto più semplice. Adesso andiamo in Australia con tante novità per la moto. I ragazzi stanno lavorando tanto ed io sono carico, mi piace molto il progetto e sono molto motivato a portare l’Aprilia davanti a lottare con le altre giapponesi“.

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo