Mondiali nuoto Budapest 2022: Italia,sei uno schianto! Cascata di ori e di medaglie, eguagliata Gwanju

Dopo l’oro dal sincro con Minisini-Ruggiero, arrivano due imprese storiche alla Duna Arena: Paltrinieri immenso oro con record europeo, così come la 4×100 mista maschile. Argento Pilato, Ceccon beffato dal ricorso. Italia a 15 medaglie con 7 ori.

Doveva essere un sabato italiano e così è stato. Anzi, è andato anche oltre le più rosee aspettative. Dopo l’oro leggendario del sincro, firmato dalla coppia composta da Giorgio Minisini e Lucrezia Ruggiero nel duo misto a programma libero,un Paltrinieri immenso ha compiuto un’impresa da tramandare ai posteri: partito dalla corsia uno, ha subito impostato il suo ritmo e ha dominato la prova stabilendo il record europeo, ad un passo dal record del mondo.

Gregorio Paltrinieri, 27 anni, esulta dopo lo straordinario oro vinto nei 1500 stile libero col record europeo.

Gli hanno fatto eco i quattro Cavalieri delle Acque azzurri, con la staffetta 4×100 mista maschile: Thomas Ceccon, Nicolò Martinenghi, Federico Burdisso e Alessandro Miressi, hanno battuto Team USA dopo un lungo ed estenuante testa a testa con la staffetta stars and stripes, che ha premiato il cuore e il coraggio degli italiani al cospetto della potenza americana.

Thomas Ceccon, 21 anni, dà il cinque ad Alessandro Miressi, 23, dopo la vittoria della medaglia d’oro nella 4×100 mista

In più, è arrivato il record europeo sulla distanza, per un primo podio mondiale che ha il sapore di epica dello sport e che in parte riscatta la beffa subita da Ceccon. Arrivato quarto nei 50 dorso, il nuotatore vicentino aveva inizialmente vinto il bronzo dopo la squalifica dell’americano Justin Ress, inizialmente vincitore della medaglia d’oro davanti al compagno di squadra Armstrong, successivamente squalificato.

Dopo il ricorso presentato dallo staff americano, il dorsista a stelle e strisce si è poi rimpossessato della sua legittima medaglia, vinta sul campo.

Questo, tuttavia, non ha comunque scolorito una giornata leggendaria per i colori azzurri, che dopo la cascata di medaglie di oggi (anche l’argento di Benedetta Pilato, beffata solo dalla lituana Meyllutite, e dal nuoto sincronizzato con l’highlight a squadre), sono arrivati già a 15 medaglie con ben 7 ori, quando abbiamo appena scavallato il giro di boa di questa kermesse iridata, che domani mattina vedrà scendere in acqua i nuotatori delle acque libere.

Una giornata memorabile, che verrà trascritta e rimarrà scolpita nei libri di storia negli anni: perché una squadra azzurra così forte non la si vedeva da anni ed ora si stanno raccogliendo i frutti del duro lavoro di un ricambio generazionale lungo, ma che ora sta dando le sue garanzie di medaglia e di vittoria.

Una giornata storica, dove l’epica e la leggenda si fondono e creano la data di oggi: sabato 25 giugno 2022. Un torrido sabato di fine mese, ennesimo tassello di un 2022 che non finisce di stupire per vittorie e imprese.

Per Paltrinieri e la 4×100 mista, in particolare, è riservato un posto speciale. Perché loro, da oggi, sono la Leggenda del nuoto.