Mondiali di ciclismo su pista 2021: Italia nella leggenda, è campione del mondo

Leggendaria impresa del quartetto azzurro composto da Ganna, Lamon (oggi sostituito da Bertazzo), Consonni e Milan. Dopo l’oro olimpico, arriva anche l’oro mondiale nell’inseguimento a squadre. Riportato in Italia il titolo dopo ventiquattro anni.

Come la giri, il leitmotiv è sempre quello: “It’s coming Rome”, sta arrivando a Roma. E, questa volta, nella Città Eterna vi arriva il quartetto azzurro che da oggi entrerà nell’eternità del ciclismo. Dopo aver conquistato l’oro olimpico a Tokyo solo due mesi e mezzo fa, il trenino azzurro, composto da Filippo Ganna, Jonathan Milan, Simone Consonni, Francesco Lamon e Liam Bertazzo (che proprio oggi ha sostituito il veneziano), è salita sul tetto del mondo contro i padroni di casa della Francia, facendo piangere il pubblico francese accorso a sostenere e a tifare i propri beniamini in quel dello Stab Velodrome di Roubaix.

Un capolavoro di tattica e di resistenza, dove l’Italia ha saputo rispondere colpo su colpo ai transalpini, mai domi e sempre attaccati e, anzi, spesso in vantaggio nella gara, nonostante non ci siano mai stati distacchi tali da farci impensierire.

Una medaglia d’oro dal sapore speciale, perché non solo consegna alla Leggenda i ciclisti azzurri del quartetto. Ma anche perché, riporta il titolo iridato in Italia ventiquattro anni dopo i mondiali di ciclismo su pista di Perth, quando il quartetto, composto da Mario Benetton, Andrea Collinelli, Adler Capelli e Cristiano Citton, s’impose nella finale contro l’Ucraina nonostante, bisogna dirlo, in quel caso fu favorita dalla caduta degli avversari.

Ma questa volta, non ci sono stati regali o cadute che abbiano tenuto. L’oro è stato completamente costruito da questi quattro straordinari ragazzi. Che, da oggi, sono nella Leggenda. In casa dei francesi, davanti a loro, è ancora più bello.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€