Milan-Inter 0-2, analisi e pagelle: Inter più amalgamata, Milan ostaggio di paure e parassiti

Il derby di ieri ha mostrato ineluttabilmente quanto i rossoneri facciano fatica a segnare. La fase offensiva è ostaggio di un autentico parassita, Suso, indisciplinato e inconcludente nonché incapace di fare gli interessi del collettivo. La prova di questo è, nel finale del primo tempo, il coast to coast che il numero 8 effettua in contropiede, bellissimo per carità, ma poi non concretizzatosi poiché, anziché passare palla al libero ed effervescente Leao, preferisce concludere a rete trovando l’opposizione di Asamoah. Suso non segna, non crossa, non passa e non è mai pericoloso

La domanda da fare a Giampaolo (Jean Paul o Giamburrasca, a piacere) è: perché insistere su uno che dovrebbe andare a lavare i piatti nella cucina di Milanello? Mistero della fede. O forse mistero della mente dell’allenatore, che sta anche panchinando tutti i nuovi per mettere in campo giocatori che non portano, né porteranno, novità positive. Vanno inseriti subito i nuovi: Bennacer, Hernandez e Leao hanno un altro passo e possono garantire gioco e risultati al Milan più dei vecchi. A proposito di nuovi: basta anche con Calabria e dentro Conti, il quale è troppo incline al fallo inutile, tipo quello di ieri che ha portato al gol dello 0-1, ma garantisce molta più corsa e soprattutto cross.

Capitolo Paquetà: sarà troppo brasiliano, ma non può stare in panchina per quello. Il giocatore ha la forza per incidere sulle partite e privarsene è un peccato.

Contro il Torino, giovedì sera, ci vorrà anzitutto la prestazione, l’unico mezzo per ottenere risultati. Altrimenti saranno sempre e solo guai.

MIGLIORI MILAN

Donnarumma 7: sui gol non ha colpe e senza di lui sarebbe finita con un passivo molto più pesante. Si conferma un portiere di livello elevato.

Leao 6.5: gioca veramente bene e fa venire il mal di testa agli avversari, però la poca assistenza gli impedisce di rendersi pericoloso.

Conti 6: fino all’inutile fallo che porta al primo gol gioca una gara di grande quantità e discreta qualità dimostrando di poter sostituire Calabria. Poi si perde un po’, ma la strada è quella giusta.

PEGGIORI MILAN

Suso 4: non ne azzecca una come sempre, ma non esce mai. Mistero.

Rodriguez 4: inutile e dannoso.

Piatek 4: se non ha palloni, è come non averlo.

 

MIGLIORI INTER

Asamoah 7: evita un gol o comunque un grave rischio e gioca una gara grintosa ed efficace.

Skriniar 6.5: un muro.

D’Ambrosio 7: partita ottima con anche due reti sfiorate.

PEGGIORI INTER

Lukaku 5.5: chiude la partita, ma senza reti sarebbe stato da 4.5.

Martinez 5: si vede solo quando segna un gol irregolare.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Ludovico Maiorana

Informazioni sull'autore
Sono Ludovico Maiorana, ho 33 anni, quasi 34, e sono di Barcellona Pozzo di Gotto. Sono laureato in Scienze Storiche e scrivo per Stadiosport.it.
Tutti i post di Ludovico Maiorana