Liverpool, altra finale persa per Klopp: continua la maledizione nel dramma di Salah e Karius

Con il ko di Kiev il tecnico dei Reds sale a 6 finali perse negli ultimi 5 anni tra Borussia Dortmund e Liverpool.

Le finali restano ancora maledette per Jurgen Klopp. Il tecnico tedesco non riesce a sfatare il tabù e con la sconfitta di ieri sera il suo bottino – non propriamente esaltante – sale a quota 6 finali perse negli ultimi 5 anni, dal 2013 ad oggi.

Jurgen Klopp

Le disfatte nelle partite decisive, dove il tecnico tedesco ha visto sempre gli altri alzare le Coppe, cominciano appunto nel 2013 quando alla guida del Borussia Dortmund perde la finale di Champions contro il Bayern Monaco, beffato da Robben quasi allo scadere. Ancora i bavaresi sulla sua strada quando, nel 2014, deve nuovamente inchinarsi agli avversari uscendo sconfitto dalla finale di Coppa di Germania. Stessa storia e stessa competizione l’anno seguente, questa volta a vantaggio del Wolfsburg.

Le cose non vanno meglio nel 2016, anno del suo approdo al Liverpool, quando riesce nell’ “impresa” di perdere addirittura due trofei in pochi giorni: l’Europa League contro il Siviglia e la Coppa di Lega contro il Manchester City dopo i calci di rigore. Una maledizione, quella delle finali perse, che Klopp sperava di interrompere ieri, ma ancora una volta il Re Mida Zidane col suo Real ha avuto la meglio.

Una sconfitta resa ancora più amara dai drammi nel dramma: l’infortunio di Salah messo ko da Sergio Ramos dopo 31 minuti di gioco che probabilmente lo costringerà a saltare i Mondiali di Russia 2018 con la maglia del suo Egitto e i clamorosi errori commessi dal portiere Karius che hanno spianato la strada ai Blancos al successo finale.

 

 

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Veronica Martella

Informazioni sull'autore
Pugliese, una laurea in storia dell'arte e tanta passione per il calcio e la Roma in particolare. Amo le cose belle e semplici della vita e non sopporto l'arroganza, l'intolleranza e chi non si emoziona mai per nulla.
Tutti i post di Veronica Martella