Lazio, la rinascita di Immobile: Inzaghi e Ventura possono sorridere

Ci sono stagioni in cui c’è sempre un calciatore che, dopo annate deludenti, riesce dentro di sé a trovare la forza per reagire e ritornare in auge. E’ il caso di Ciro Immobile, attaccante della Lazio, reduce da due stagioni a Dortumund e Siviglia  molto deludenti.

L’ex attaccante granata si è finalmente ritrovato in questa stagione e i numeri lo dicono chiaramente: 16 gol in 27 partite, meglio anche della stagione che lo consacrò capocannoniera con la maglia del Torino che, guarda caso, veste il suo gemello d’attacco in nazionale Belotti.

La trasferta di Bologna, vinta dalla Lazio per 2-0, può rappresentare è l’apice della stagione di Ciro Immobile, autore della doppietta decisiva. I biancocelesti, anche grazie a lui, stanno vivendo una stagione molto positiva e si stanno rilanciando all’inseguimento del terzo posto.

 

Ciro Immobile

 

Ciro lo sa bene e, infatti, nel post gara ha ribadito, secondo quanto riportato da La Gazzetta dello Sport, l’importanza per i tre punti conquistati contro la squadra di Roberto Donadoni. Dopo la vittoria del Derby, ha sottolineato Immobile, era importante far capire che la squadra non avrebbe avuto un calo.

L’attaccante della Lazio ha poi concluso che la pressione è alta ma la squadra a risposto alla grande. C’è da chiedersi a questo punto dove possa arrivare la squadra biancoceleste, con un Immobile così informa. Certamente può arrivare alla finale di Coppa Italia e anche a qualcosa di più (Napoli permettendo).

Al di là però di come finirà la stagione biancoceleste, il tecnico Simone Inzaghi non può non dirsi soddisfatto per quest’annata, nata sotto molte ombre e poche certezze, e gongolare per le prestazioni del suo attaccante.   

Oltre ad Inzaghi, anche Giampiero Ventura può gongolare per aver ritrovato che sembrava essersi perso e che invece, in coppia con Belotti, potrebbe fare davvero la fortuna dell’Italia negli anni a venire.