Juventus-Udinese, Allegri: “Vincere per preparare al meglio la sfida di martedì. Mie dimissioni cose da pazzi”

Il tecnico bianconero ha presentato la sfida di domani contro i friulani.

Continua a salire l’attesa in vista della grande sfida contro l’Atletico Madrid, ma per la Juventus c’è ancora da giocare la partita contro l’Udinese in campionato che farà da vero e proprio antipasto alla Champions League. L’Allianz Stadium, molto probabilmente, non sarà pienissimo, con i tifosi già proiettati alla sfida di martedì, ma i bianconeri scenderanno in campo concentrati solo sulla formazione friulana per portare a casa altri tre punti.

Il margine sul Napoli è di sedici punti, ma la cosa sembra non importare molto a Massimiliano Allegri che vuole vincere per arrivare con il morale altissimo alla sfida contro i colchoneros. Il tecnico bianconero farà sicuramente un ampio turnover, ma ciò non significa che non vuole i tre punti, con la Juventus che deve vincere le prossime sei sfide di campionato per assicurarsi l’ottavo titolo consecutivo che è ormai nelle sue mani. Vincere aiuta a vincere ed Allegri chiede un altro sforzo ai suoi giocatori: Noi dobbiamo fare altre vittorie a prescindere dal vantaggio. Mancano ancora 18 punti e 6 vittorie. Domani nell’ultimo allenamento vedrò chi recupererò. Dybala con la botta che si porta dietro da Madrid sta meglio, Mandzukic aveva un fastidio al ginocchio e sta meglio, Ronaldo è a disposizione, Bonucci e Chiellini saranno a disposizione ma non giocheranno. Poi Cancelo e Pjanic squalificati, mentre Douglas è in netto miglioramento. Non per domani, ma per martedì. Domani si deve vincere, fare una bella prestazione e preparare al meglio la partita di martedì. Che siamo a meno cinque”.

Si è parlato molto in settimana delle possibili dimissioni di Allegri ancor prima della sfida con l’Atletico, ma quest’oggi il tecnico bianconero ha spiazzato tutti affermando come in realtà l’incontro con il presidente Agnelli c’è stato già ed è avvenuto ieri sera. In principio, l’incontro sarebbe dovuto avvenire dopo la sfida contro l’Atletico e ciò ha alimentato non poco le voci su un possibile esonero o rinnovo di Allegri ed invece sono stati anticipati i tempi. Il tecnico ha anche rivelato di cosa si è parlato: “Parlando di cose serie, finora credo che tutte le cose che sono state scritte, dalle mie dimissioni ai litigi col presidente direi che o eravamo su Scherzi a Parte. Altrimenti o io e il presidente ci facciamo curare da dottori seri o qualcosa non torna. Perché due persone come me e il presidente, credo mediamente intelligenti, dopo 5 anni che stanno insieme e stanno lavorando e con la Juve hanno costruito qualcosa di importante, è possibile che con 16 punti di vantaggio al quinto anni, vinta la Supercoppa e dentro gli ottavi di Champions l’allenatore deve dare le dimissioni? Se no le cinture di forza non bastano. Né dimissioni, né litigate. Siamo andati a cena, si è mangiato anche discretamente bene. Abbiamo parlato e abbiamo deciso che del rinnovo del contratto nel parleremo a stagione finita” ha chiosato l’allenatore bianconero che ha poi aggiunto come la squadra ha tutte le carte in regola per ribaltare il risultato e che, in caso di uscita dalla Champions, non si può definire fallimentare la stagione bianconera.

Oltre alle possibili dimissioni di Allegri, si è parlato anche di una festa pre-trasferta a Napoli alla quale hanno partecipato i giocatori bianconeri dove c’erano circa 60 modelle. Stavolta, il tecnico bianconero ha addirittura confermato questa festa, aggiungendo come in realtà abbia fatto bene alla squadra poiché fa bene all’umore: “Il gossip ha fatto bene, ha portato un po’ di brio in un momento di tristezza. A parte che non faccio il guardiano, faccio l’allenatore. Era una cena dove si sono divertiti e hanno fatto bene, tra l’altro poi abbiamo vinto quindi ha portato pure fortuna” .

Sempre riguardo la trasferta di Napoli, si è visto un Cristiano Ronaldo abbastanza nervoso per l’atteggiamento troppo difensivo dei compagni e che avrebbe manifestato il suo malessere ad Allegri. Il tecnico bianconero, però, ha spiegato che in realtà il fuoriclasse portoghese non si sia innervosito per nulla: Ma non è che a Napoli si è arrabbiato, non abbiamo fatto un bel secondo tempo. La squadra ha capito il momento di difficoltà e ha difeso. Senza l’incomprensione tra Szczesny e Chiellini non prendiamo nemmeno quel gol. La Juve ha fatto quello che doveva fare, vincendo le partite che servono per arrivare in fondo. Poi può succedere di creare meno occasioni”.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

15€ Bonus Benvenuto Scommesse al Deposito

Fastbet

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Danilo Servadei

Informazioni sull'autore
Laureando in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Aspirante giornalista con la passione per il calcio estero e l'amore per quello giapponese
Tutti i post di Danilo Servadei