Inter News: tutti i segreti della rinascita targata Pioli

I soliti detrattori avevano inveito con le solite frasi: “Il problema dell’Inter non è l’allenatore”, “De Boer aveva bisogno di tempo”, “Anche Pioli durerà poco”. Dire che si sono sbagliati, sembra francamente riduttivo.

Padre Pioli (così soprannominato dai tifosi nerazzurri, non me ne vogliano i religiosi più tradizionalisti) è riuscito a ridare il sorriso a un ambiente che stava cadendo in depressione. Coloro che prima lo denigravano, adesso sono i primi a scrivere panegirici in cui lo elogiano come il nuovo Messia. Andiamo a ripercorrere il cammino di Pioli e vediamo dove è riuscito a trasformare l’Inter.

Fonte immagine: Passioneinter.com

Dopo il pareggio in extremis contro il Milan, salutato come una vittoria, è arrivata la vittoria per 4-2 contro la Fiorentina e subito dopo il tonfo di Napoli. Pioli, pur avendo portato 4 punti in 3 partite, era finito sulla graticola perché il divario con il Napoli sembrava incolmabile. Come ripartire?

Semplice. La prima grande illuminazione di Pioli è stata quella di relegare Ranocchia al ruolo che più gli compete; la panchina. Non a caso, dopo la sconfitta di Napoli i nerazzurri hanno abbassato la saracinesca e senza Ranocchia hanno subito soltanto 2 gol in 6 partite.

Registrata la difesa, è passato a rinvigorire il centrocampo. Spazio dunque a Kondogbia, che è passato in poche settimane da bidone colossale a promessa del calcio mondiale. Non è ancora al top, è vero, ma le sue prestazioni sono incoraggianti e ogni tanto riesce pure a mettere a segno qualche numero da circo che galvanizza i tifosi e lo protegge dalle critiche. 

In attacco, Pioli ha donato il sorriso a Icardi che durante il periodo di De Boer soffriva di solitudine. Perisic e Candreva si inseriscono e crossano a ripetizione, Joao Mario lo serve con regolarità e il bomber argentino sembra rinato.

Gagliardini è il fiore all’occhiello di questo nuovo progetto nerazzurro e se fosse arrivato ai tempi di De Boer, probabilmente non sarebbe riuscito a imporsi in questo modo. 

Risultato: 8 vittorie in 11 partite, panchina salda, ambiente euforico, prospettive esaltanti. L’Inter di Pioli è una macchina da guerra che fa paura a tutti perché è consapevole della propria forza ed è temprata dal punto di vista mentale. Dal pessimismo cosmico alla speranza di un posto in Champions, non si può dire che Pioli stia compiendo un vero miracolo…

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

15€ Bonus Benvenuto Scommesse al Deposito

Fastbet

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Angelo Dino Surano

Informazioni sull'autore
Giornalista, editor, ghostwriter, lettore appassionato. Una vita intera dedicata alla parola e alle sue innumerevoli sfaccettature.
Tutti i post di Angelo Dino Surano