Inter-Benevento 2-0, voti e pagelle: Skriniar leader, male Candreva e Gagliardini

L’Inter strappa con non poca fatica tre punti pesanti a un ottimo Benevento.

La vittoria non inganni i tifosi neroazzurri, è presto per parlare di crisi alle spalle: il disastroso primo tempo degli uomini di Spalletti resta, la partita è stata sbloccata da un gol su calcio piazzato e il Benevento può anche recriminare per un rigore non concesso.

Se Skriniar, oltre ad essere sempre il più solido e lucido in difesa, si mette anche a far gol (quarto in campionato) e Ranocchia riscatta un paio di errori potenzialmente gravi con la rete della sicurezza, tante restano le note stonate in casa neroazzurra: da Candreva a Perisic, da Gagliardini a Vecino, da D’Ambrosio a Eder, passando per un Rafinha titolare per la prima volta che dimostra di non avere ancora la brillantezza per reggere novanta minuti ad alti livelli. 

Nella squadra di De Zerbi sorprende il giovane attaccante Brignola, una spina nel fianco costante per la difesa dell’Inter. Bella gara dei senatori Sandro e Sagna, molto interessante anche Guilherme, sempre tra i più pericolosi.

Inter (4-3-3): Handanovic 6; Cancelo 6,5, Skriniar 7, Ranocchia 6,5, D’Ambrosio 5; Vecino 5, Gagliardini 4,5, Rafinha 5 (dal 65′ Karamoh 6,5); Candreva 4,5, Eder 5, Perisic 5 (dall’82’ Brozovic s.v.). Allenatore: Spalletti 6.

Benevento (4-3-3): Puggioni 6; Sagna 6,5, Djimsiti 6, Tosca 6, Letizia 6; Viola 5,5, Sandro 6,5 (dal 66′ Del Pinto 6), Djuricic 5,5 (dal 46′ Cataldi 6); Brignola 7, Coda 6 (dall’85’ Diabaté s.v.), Guilherme 6,5. Allenatore: De Zerbi 6,5.

I migliori:

Skriniar 7: ha perso un po’ la brillantezza di inizio stagione e sicuramente soffre l’assenza del compagno di reparto Miranda, ma resta il più concentrato e decisivo della retroguardia neroazzurra. Pericolo costante anche sui corner, trova il gol che sblocca una partita che poteva mettersi male per i suoi.

Brignola 7: classe 1999, scuola Roma, si sta ritagliando uno spazio importante nel Benevento e non gli tremano le gambe neanche alla Scala del calcio. Serve un bell’assist a Coda che poteva indirizzare la gara in una direzione diversa.

Sandro 6,5: leader del centrocampo dei sanniti, detta i tempi della manovra e lotta in mezzo al campo. Sfiora anche il gol.

I peggiori: 

Candreva 4,5: probabilmente la peggior stagione della sua carriera. Prevedibile e impreciso, sbaglia un’infinità di cross, facendo infuriare il pubblico. 

Gagliardini 4,5: involuzione incredibile per un ragazzo promettente che aveva anche ben figurato nei suoi primi mesi all’Inter. Falloso e in difficoltà, forse avrebbe meritato l’espulsione.

Rafinha 5: un’ora abbondante in campo estremamente deludente. Non ha ancora il ritmo partita, meglio quando entra a gara in corso.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€