Football Leaks: sotto accusa anche Mangala, Kondogbia, Brahimi e le escort della Doyen

Football Leaks continua a tirare in ballo nomi importanti. Nelle ultime ore, la testata francese L’Équipe ha portato al centro dell’attenzione Doyen Sports, una grande società d’investimento brasiliana, con sede principale a Malta. La compagnia è coinvolta in diversi trasferimenti di calciomercato, tra cui quelli di Mangala, Kondogbia e Brahimi, per citare i tre più importanti.

Football Leaks

Tangenti e paradisi fiscali

Secondo quanto emerso dall’inchiesta – tramite tre società registrare negli Emirati Arabi Uniti – Doyen Sports ha occultato ingenti somme di denaro, 10,8 milioni di euro per la precisione, per il versamento di tangenti. Nella trattativa per Mangala, ad esempio, ceduto dal Porto al Manchester City, la compagnia avrebbe incassato un profitto totale di 10 milioni, 2 dei quali sono stati immediatamente fatti sparire sfruttando una società offshore registrata in un cosiddetto paradiso fiscale.

Escort e prostitute

Non solo tangenti, però: Doyen Sports si occupava anche di escort e prostitute. Football Leaks, infatti, ha riportato l’assunzione nella dirigenza di 14 giovani ragazze, tutte dell’Europa dell’Est. Le ragazze hanno avuto un ruolo attivo nelle trattative della società e hanno più volte accompagnato dei giocatori negli impegni internazionali di Champions League

Sono inoltre trapelate alcune chat di Whatsapp che confermano l’impiego di escort negli affari del Doyen Sports. In una conversazione risalente ad agosto 2013, Nelio Lucas (figura chiave della società) e Arif Efendi (figlio di uno dei dirigenti della compagnia) parlano, infatti, di alcune escort ingaggiate per convincere Florentino Perez, patron del Real Madrid, ad acquistare Kondogbia. Il presidente del club spagnolo, però, alla fine non ha mai partecipato alla festa organizzata a Miami, e la trattativa non è andata in porto.

Resta da chiarire, infine, la questione Sabina. La giovane donna, ufficialmente rappresentate del giocatore Rolando, ha partecipato al trasferimento dell’ex Napoli ed Inter dal Porto al Marsiglia. La ragazza ha smentito di aver mai lavorato per Doyen Sports, affermando di essere soltanto un’amica di Nelio Lucas.