F1, ufficiale: rinviati sia il GP del Bahrain che quello del Vietnam

Dopo aver cancellato il debutto di Melbourne, la F1 dispone il rinvio anche delle prove del Sakhir e di Hanoi

F1 – Si prospetta l’inverno più lungo di sempre nella settantennale storia della Formula 1. Dopo la cancellazione del Gran Premio d’Australia a causa della pandemia da COVID-19, avvenuta ieri al culmine di giornate che non hanno minimamente giovato alla reputazione di questo sport e della FIA in generale, è di poco fa l’ufficialità del rinvio a data da destinarsi anche dei Gran Premi di Bahrain e Vietnam, rispettivamente seconda e terza gara in calendario.

A causa della crescente diffusione globale del COVID-19 e dopo continue discussioni con la FIA e con gli organizzatori dei GP, tutte le parti in causa hanno preso la decisione di rinviare il Gran Premio del Bahrain e il Gran Premio del Vietnam, inizialmente in programma rispettivamente il 20-22 marzo e 3-5 aprile“, si legge nello scarno comunicato apparso sulle pagine social della Formula 1.

Suggestiva vista notturna del Sakhir, circuito che ospita il Gran Premio del Bahrain (foto da: twitter.com)

Proteggere innanzitutto le persone. Con la Formula 1, la Bahrain Automobile Federation, la Vietnamese Motor Sports Association e i promotori locali, rinviare le gare in Bahrain e Vietnam, come fatto con quella australiana, è stata l’unica decisione possibile, tenendo conto della situazione attuale” – ha commentato Jean Todt, Presidente FIA – “Contiamo sul contributo e sui consigli dell’OMS e dei governi, lavorando con loro durante questo periodo imprevedibile per proteggere tutta la comunità del motorsport“.

Queste le parole del CEO della Formula 1, Chase Carey: “La situazione della pandemia da COVID-19 nel mondo cambia velocemente ed è poco prevedibile; è giusto quindi che ci prendiamo il tempo che occorre per valutare tutto e prendere le decisioni giuste. Abbiamo preso questa decisione di concerto con la FIA e con i promoters, per garantire la sicurezza di tutti i soggetti coinvolti in Formula 1, fan compresi“.

Quella del Bahrain è una delle gare più entusiasmanti del calendario e non speriamo di tornarci al più preso. Per quanto riguarda il Vietnam, non vediamo l’ora di assistere alla gara inaugurale e di portare lo spettacolo della Formula 1 in una delle città più emozionanti del mondo“, ha concluso Carey.

Le prime immagini delle strutture dei box del costruendo circuito di Hanoi, che sarà sede del Gran Premio del Vietnam (foto da: twitter.com/F1)

E ora? Le decisioni delle ultime ore si aggiungono al rinvio, reso noto ormai un mese fa, del Gran Premio della Cina, all’epoca il focolai più virulento del Coronavirus che sta spaventando il mondo. Ma la sensazione (se non certezza) è che non sia affatto finita qui. Nel comunicato FIA, infatti, si parla di avvio stagionale rinviato alle gare europee, per la precisione al 1° maggio, quando dovrebbe partire il weekend del Gran Premio d’Olanda a Zandvoort.

L’evoluzione della pandemia nel Vecchio Continente, però, non induce affatto all’ottimismo. Ecco dunque che, nelle ultime ore, si fa strada l’ipotesi che il Mondiale possa prendere in realtà il via a fine maggio, con il Gran Premio di Monaco (22-24/5), o a giugno, con il Gran Premio d’Azerbaijan (5-7/6). Stando ai rumors, l’ipotesi più probabile è la partenza da Baku, con rinvio di Zandvoort ed addirittura la cancellazione sia di Barcellona che di Monaco. Inoltre, verrebbe eliminata la pausa estiva e il calendario, per far spazio ai GP posticipati, verrebbe allungato fino al 13 dicembre.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

15€ Bonus Benvenuto Scommesse al Deposito

Fastbet

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo