F1, le pagelle del GP del Bahrain

Si è concluso ieri il Gran Premio del Bahrain, terzultima tappa del Mondiale di F1. Nel weekend scandito dal terribile incidente occorso a Grosjean, a salire sul gradino più alto del podio è stato ancora una volta Lewis Hamilton, leader incontrastato del Circus.

Chiudono le prime tre posizioni le due Red Bull di Verstappen e Albon, mentre scompare dai radar Valtteri Bottas e la Ferrari vive un altro weekend piuttosto complicato. Andiamo a dare i voti ai protagonisti della gara.

Lewis Hamilton: voto 10

Gara condotta in testa dall’inizio alla fine ma, cosa che più conta, mantenendo sempre un distacco di almeno 4-5 secondi da Verstappen, suo diretto inseguitore: normale amministrazione? Così è…se vi pare.

Valtteri Bottas: voto 4

Il suo Mondiale rischia di chiudersi di male in peggio. Non ci ha fatto vedere le “cose turche” del circuioto di Instanbul, ma quasi: mai realmente in lotta per la vittoria, il finlandese ha chiuso solo ottavo.

Okay, la gara è stata condizionata da una foratura all’inizio, ma Valtteri ha lottato per un tot di giri con Raikkonen (su Alfa Romeo) senza riuscire a superarlo e ha poi dovuto attendere i pit stop altrui per guadagnare posizioni in griglia: evanescente.

Charles Leclerc: voto 5,5

Fa quel che può con la macchina che si ritrova. Grossi errori alla guida, tali da giustificare un voto troppo basso, non ce ne sono. Se Ocon, Ricciardo e Gasly lo infilano troppo facilmente sfruttando il DRS, la colpa è degli ingegneri Ferrari, non sua. Come nota di merito, c’è da dire che prova in tutti i modi a tenersi la posizione sull’attacco di Sainz, ma non vi riesce.

Sebastian Vettel: voto 4,5

qualcosa in meno del compagno di scuderia perché, a differenza del monagasco, Vettel compromette la sua gara con un brutto testacoda che lo fa precipitare all’ultimo posto. Anche lui, però, ha diritto a miriadi di attenuanti.

Max Verstappen: voto 8,5

Una grande gara quella dell’olandese, che si prende la seconda piazza in partenza e non la molla quasi mai. Non può nulla contro una Mercedes fuoricategoria.

Alexander Albon: voto 7,5

Gara solida del thailandese, bravo a sfruttare anche un po’ di buona sorte per finire sul podio. Non fosse accaduto l’incidente di Perez, staremmo forse parlando di un altro risultato. Ma si sa: la fortuna non gira mai a caso.

Sergio Perez: voto 10 (e lode di consolazione)

È lui il pilota del giorno, nel bene e nel male: davanti ci sono due fuoriserie, ma se la Racing Point è rimasta in lizza per il terzo posto della classifica costruttori, lo deve solo al messicano. Non è un mistero che lo scrivente abbia già elogiato Perez in altre occasioni definendolo il pilota più solido di tutto il Circus. E qui confermo il mio giudizio: non fosse stato per quel maledetto motore, staremmo parlando del suo secondo podio consecutivo.

Lance Stroll: voto 4

Perez fa, Stroll distrugge: dove stava andando mentre Kvyat gli lasciava tre metri di spazio per lasciarlo passare? Si ribalta a causa di un errore ingenuo, eppure le aspettative della scuderia continuano ad essere tutte per lui.

Carlos Sainz: voto 8

Stesso discorso per Perez: un pilota molto costante e affidabile. Parte dalle retrovie e recupera tante posizioni, fino a portarsi a ridosso della seconda fila. In più, il duello con Leclerc aggiunge un po’ di pepe a quella che sarà una convivenza all’insegna della competitività nel box Ferrari.

Lando Norris: voto 8

Anche lui si rende artefice di una grande gara e si piazza ai piedi del podio. Avrebbe potuto spingere qualcosina in più durante alcuni momenti della gara, ma la Mclaren può essere più che soddisfatta del suo rendimento.

Daniel Ricciardo: voto 7,5

Ottima gara dell’australiano che ottiene un buon settimo piazzamento finale. Dà vita a un grande duello col compagno di squadra per imporre la propria leadership ideale all’interno del box. Unica pecca: non essere riuscito a superare Gasly con oltre 30 giri sulle gomme, ma avremo modo di parlarne…

Esteban Ocon: voto 6,5

A una prima parte di gara magistrale, forse la migliore per lui quest’anno, fa da contraltare un secondo frangente in cui si perde un pochino. Chiude comunque in zona punti: nono.

Pierre Gasly: voto 8

Menzione speciale per uno dei piloti più giovani e interessanti di tuttto il circuito: opta per un pit stop in meno rispetto agli avversari e riesce a reggere, finendo in sesta posizione. Come ha fatto? Bisognerebbe chiederlo a lui.

Piccola postilla: non ho menzionato Grosjean nelle pagelle e non lo farò. Su Romain ogni discorso sarebbe inutile. Si è salvato miracolosamente e noi tutti ci auspichiamo di rivederlo presto in pista, ma assegnargli un voto sulla gara, dacché non ha corso, sarebbe sintomo di affettazione. No, grazie.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus