F1, le mescole scelte dai piloti per il Gran Premio d’Italia 2019

Il Gran Premio d’Italia, in programma la prossima settimana in quel di Monza, sarà l’edizione #70 nella storia del Mondiale di Formula 1, la #90 comprendendo anche quelle disputate prima del 1950. Mentre la Formula 1 si appresta a concludere la pausa estiva con il Gran Premio del Belgio a Spa-Francorchamps, ci si proietta già verso l’atteso GP nostrano con la pubblicazione delle scelte dei piloti.

Immagine del rettifilo di Monza, teatro quest’anno della 70.esima edizione del Gran Premio d’Italia valevole per il Mondiale di Formula 1 (foto da: racefans.net)

La Pirelli porterà a Monza le mescole mediane tra le cinque disponibili, ovvero C2 (dura), C3 (media) e C4 (morbida). A risaltare è la scelta estrema di Max Verstappen (Red Bull) che, insieme ai due della Racing Point, Sergio Perez e Lance Stroll, avrà a disposizione ben dieci treni di ‘rosse’, due di ‘gialle’ ed uno di ‘bianche’.

All’opposto, invece, i piloti di Mercedes e Ferrari sono quelli che avranno meno set di mescole morbide, ovvero otto. Da una parte, Lewis Hamilton e Charles Leclerc vi aggiungeranno tre di medie e due di dure; dall’altra, Sebastian Vettel e Valtteri Bottas quattro di medie e uno di dure.

Tutti gli altri, invece, potranno scegliere tra nove treni di soft. Alexander Albon (Red Bull), Nico Hulkenber (Renault), Kevin Magnussen (Haas), Antonio Giovinazzi (Alfa Romeo), Pierre Gasly (Toro Rosso) e George Russell (Williams) avranno anche tre set di medium ed uno di hard.

Con due set sia di ‘gialle’ che di ‘bianche’, infine, Daniel Ricciardo (Renault), Romain Grosjean (Haas), Kimi Raikkonen (Alfa Romeo), Daniil Kvyat (Toro Rosso), Robert Kubica (Williams) e la coppia della McLaren, Carlos Sainz Jr. e Lando Norris.

Le mescole scelte dai piloti in vista del Gran Premio d’Italia 2019 (foto da: twitter.com)

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo