F1 GP Messico, Verstappen dopo la vittoria: “Non sono stato arbitro del Mondiale”

Max Verstappen ha conquistato vincendo il GP del Messico con la sua Red Bull la 3° Vittoria in carriera, la 2° inq uesta stagione.

Verstappen dal Gp di Singapore in poi è stato il pilota che ha conquistato più punti in assoluto e si sta proponendo come un top driver in Formula 1.

Dopo l’incidente in cui è stato coinvolto in avvio di gara a Singapore insieme a Vettel e Raikkonen, Verstappen non ha sbagliato più nulla collezionando due vittorie, un secondo posto e la 4° posizione ad Austin causa penalità.

Dopo la vittoria Verstappen ha analizzato così la sua gara:”Oggi mi sentivo veramente a mio agio con l’auto, se guardiamo i tempi e il passo gara è ben chiaro che il bilanciamento e il comportamento delle gomme erano perfetti – ha commentato Verstappen – Il via in realtà non è stato così buono come è sembrato, non so perché ma ero arrivato al limitatore e non riuscivo più a prendere velocità. Di fatto, però, è risultato cruciale per l’esito della gara; fortunatamente davanti a me c’era Vettel e ne ho sfruttato la scia cercando poi di passarlo all’esterno della curva 1″.

Ancora una volta ha avuto un contatto con la Ferrari di Sebastian Vettel in avvio di gara e questa volta Verstappen non ci sta assolutamente e non avrebbe accettato un ulteriore penalità:
“In quel punto avevo la traiettoria a favore nella variante successiva, ma eravamo solo alla seconda curva e prendere un’altra penalità anche per quel contatto non credo che l’avrei accettato!”

Riguardo agli incidenti di Vettel con lui e se ne avrebbero potuto compromettere la lotta al mondiale Max ha le idee chiare:
“Non credo proprio di essere stato l’arbitro del Mondiale, Vettel ormai non aveva più possibilità di vincere il titolo e quindi non sarebbe comunque cambiato nulla se non ci fossimo toccati”.

Poi fa un bilancio generale sulla stagione della Red Bull e dice:
“Abbiamo imparato molto da inizio stagione e questo ci servirà per partire bene l’anno prossimo. Purtroppo abbiamo perso subito tanti punti, ma in questo finale stiamo andando molto forte. Non so cosa riusciremo a fare nelle ultime gare in Brasile e ad Abu Dhabi, sicuramente ci proveremo perché non abbiamo nulla da perdere”.

E spera di partire al meglio il prossimo anno:
“Adesso è ancora presto per poter dire come saremo nel 2018, sicuramente abbiamo intrapreso la strada giusta e dobbiamo continuare a lavorare così per non correre il rischio di iniziare come quest’anno, sarebbe un altro disastro”.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

15€ Bonus Benvenuto Scommesse al Deposito

Fastbet

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Carlo M.

Informazioni sull'autore
Responsabile editoriale, appassionato di Sport (Calcio - F1 - MotoGp)
Tutti i post di Carlo M.