F1 GP Austria 2019: Anteprima ed Orari Diretta TV

Torna subito in pista il Circus della Formula 1, andando a completare il primo back-to-back di questo 2019. Il circuito del Red Bull Ring ospita questo weekend la 9° gara stagionale, 32.esima edizione del Gran Premio d’Austria. Si è reduci dal soporifero Gran Premio di Francia a Le Castellet, dove Lewis Hamilton e la Mercedes hanno dato l’ennesima e disarmante dimostrazione di forza, che di fatto chiude qualsiasi velleità degli avversari; ed anche di un Valtteri Bottas che, benché 2° al traguardo, ha preso un’altra bella scoppola. In Austria, proverà a vivere un weekend positivo la Ferrari, che dovrebbe fare bene data la conformazione veloce del circuito. Attenzione anche alla Red Bull e a Max Verstappen, nella gara di casa della scuderia anglo-austriaca. Alle spalle dei big, curiosità per capire chi tra Renault e McLaren si prenderà la palma di 4° forza, con la Haas che proverà ad essere della partita.

La statua del toro, simbolo del Red Bull Ring, presente al Red Bull Ring (foto da: rachf1.com)

F1 GP AUSTRIA 2019: IL PRONOSTICO

Il primo back-to-back del 2019 si completa con il weekend del Red Bull Ring, nel quale non si capisce come non si possa indicare nuovamente in Lewis Hamilton il favorito #1. Il britannico, dominatore assoluto in Francia e, più in generale, in un campionato praticamente senza rivali, andrà a caccia della seconda vittoria in Austria (l’unica nel 2016, insieme ad altri due podi, due pole e due giri record), al volante di quell’astronave senza punti deboli apparenti che è la W10. Dovrà reagire invece Valtteri Bottas, massacrato al Paul Ricard ed ora a -36 dal compagno di box. Il Red Bull Ring potrebbe essere una pista buona per il nativo di Nastola, che qui ha vinto nel 2017, arrivando 2° nel 2014 quando correva per la Williams, oltre a partire dalla pole nelle ultime due edizioni.

Lewis Hamilton e, sullo sfondo, Valtteri Bottas, durante il Gran Premio di Francia 2019 (foto da: twitter.com)

Potrebbe ritrovare la competitività del Canada la Ferrari, che ha bisogno ancor di più di una vittoria, soprattutto dopo le scoppole ricevute dentro e fuori la pista nel weekend francese. La SF90 dovrebbe tornare ad andare bene sui saliscendi del Red Bull Ring, e le alte temperature previste dovrebbero facilitare nel compito di portare in temperatura le Pirelli. Sebastian Vettel non ha mai vinto da queste parti, ottenendo risultati di rilievo solo negli ultimi due anni (2° nel 2017 e 3° nel 2018); obiettivo del tedesco ovviamente sarà riscattare il brutto fine settimana di Le Castellet: Per quanto riguarda Charles Leclerc, il monegasco vorrà dare seguito agli ultimi due podi; da queste parti, Charles ha ottenuto un 9° posto in gara un anno fa (17° in qualifica), mentre vanta due vittorie nella feature race in GP3 (2016) e in GP2 (2017).

Il podio del Gran Premio d’Austria 2018, vinto da Max Verstappen (Red Bull) davanti alle due Ferrari di Kimi Raikkonen e Sebastian Vettel (foto da: twitter.com)

Riflettori puntati anche sulla Red Bull, che corre in casa. Il dubbio riguarda soprattutto due aspetti: innanzitutto il propulsore Honda il quale, sebbene migliorato sia come prestazioni che come affidabilità, ha dimostrato di avere ancora un gap importante rispetto ai propulsori Mercedes e Ferrari; quindi il caso Pierre Gasly, il quale finora ha deluso tanto, non avvicinando praticamente mai le prestazioni di Max Verstappen. A proposito dell’olandese, il sogno sarebbe di ripetere il risultato di un anno fa, quando vinse davanti alle due Ferrari; andrebbe bene anche il 2° posto del 2016, dato che sono tre le gare di fila giù dal podio per il pilota Red Bull. Può risultare interessante la lotta per la seconda parte di top-10. Visti gli ultimi weekend, Renault e McLaren sembrano le più indicate per il ruolo di 4°/5° forza; ma occhio a non sottovalutare Haas e Alfa Romeo le quali, su una pista del genere, potrebbero tornare molto competitive. Potranno giocarsi le proprie carte anche Racing Point e Toro Rosso, mentre saranno costrette a lottare solo tra loro i due Williams.

F1 GP AUSTRIA 2019: ORARI TV

Il Gran Premio d’Austria 2019 sarà visibile in esclusiva sul satellite (Sky Sport F1 HD), mentre andrà in differita in chiaro, su TV8, dove per la trasmissione della gara bisognerà attendere poco più di un’ora dopo la fine della diretta.

F1 GP AUSTRIA 2019 SKY (Diretta Esclusiva)

Venerdì 28 Giugno 2019

Prove Libere 1: 11:00 – 12:30
Prove Libere 2: 15:00 – 16:30

Sabato 29 Giugno 2019

Prove Libere 3: 12:00 – 13:00
Qualifiche: 15:00

Domenica 30 Giugno 2019

Gara: 15:10

F1 GP AUSTRIA 2019 TV8 (Differita)

Sabato 29 Giugno 2019

Qualifiche: 18:00

Domenica 30 Giugno 2019

Gara: 18:00

F1 GP AUSTRIA 2019: PNEUMATICI E METEO

Le mescole presenti al Red Bull Ring sono la C2 come mescola più dura (bianca), la C3 come mescola mediana (gialla) e la C4 come mescola morbida (rossa). I due della Mercedes, pur differenziandosi leggermente tra loro, avranno nove treni di soft; con Hamilton avrà anche due treni sia di medium che di hard (idem Hulkenberg (Renault), Magnussen (Haas), Giovinazzi (Alfa Romeo), Albon (Toro Rosso) e Russell (Williams)); Bottas, invece, porterà tre treni di ‘gialle’ ed uno di ‘bianche’ (come il finnico Ricciardo (Renault), Gasly (Red Bull), Grosjean (Haas), Raikkonen (Alfa Romeo), Kvyat (Toro Rosso) e Kubica (Williams)). Sette treni di soft, quattro di medium e due di hard per Vettel (stessa opzione anche per i Racing Point); sette soft, cinque medium ed un solo treno di hard per Leclerc. Con otto soft, quattro medium ed un treno di hard troviamo Verstappen (Red Bull). Infine, sempre con otto treni di soft, abbinati a tre di medium e due di hard, abbiamo il duo McLaren.

Le mescole scelte dai piloti in vista del Gran Premio d’Austria 2019 (foto da: twitter.com/pirellisport)

Queste le dichiarazioni pre weekend di Mario Isola, Responsabile F1 e Car Racing Pirelli: “Come nel 2018, le tre mescole nominate per l’Austria sono le stesse della Francia, con i due gran premi separati solo da una settimana. Quest’anno, però, le mescole sono spaziate in modo più uniforme e questo dovrebbe consentire una maggiore varietà di strategie e gare più entusiasmanti. Spielberg è un circuito particolare, con diverse curve “cieche” ed elementi imprevedibili come il traffico in pista e il meteo. È un tracciato molto corto, sul quale è fondamentale avere il giusto set-up per utilizzare al meglio i pneumatici e sfruttare le diverse occasioni che si possono presentare, anche in termini di tattica. In passato, su questo circuito si sono verificati degli episodi di blistering, ma contiamo di minimizzare il problema con le specifiche 2019”.

F1 GP AUSTRIA: ALBO D’ORO

Alain Prost, su McLaren TAG-Porsche, guida il gruppo durante il Gran Premio d’Austria 1986. Con 3 successi all’attivo, il Professore è il pilota ad aver vinto di più in Austria (foto da: continentalcircus.wordpress.com)

(1964) – Zeltweg – Lorenzo Bandini (ITA, Ferrari)

(1970) – Österreichring – Jacky Ickx (BEL, Ferrari)

(1971) – ” ” – Jo Siffert (SUI, BRM)

(1972) – ” ” – Emerson Fittipaldi (BRA, Lotus-Ford Cosworth)

(1973) – ” ” – Ronnie Peterson (SWE, Lotus-Ford Cosworth)

(1974) – ” ” – Carlos Reutemann (ARG, Brabham-Ford Cosworth)

(1975) – ” ” – Vittorio Brambilla (ITA, March-Ford Cosworth)

(1976) – ” ” – John Watson (GBR, Penske-Ford Cosworth)

(1977) – ” ” – Alan Jones (AUS, Shadow-Ford Cosworth)

(1978) – ” ” – Ronnie Peterson (SWE, Lotus-Ford Cosworth)

(1979) – ” ” – Alan Jones (AUS, Williams-Ford Cosworth)

(1980) – ” ” – Jean-Pierre Jabouille (FRA, Renault)

(1981) – ” ” – Jacques Laffite (FRA, Ligier-Matra)

(1982) – ” ” – Elio De Angelis (ITA, Lotus-Ford Cosworth)

(1983) – ” ” – Alain Prost (FRA, Renault)

(1984) – ” ” – Niki Lauda (AUT, McLaren-TAG Porsche)

(1985) – ” ” – Alain Prost (FRA, McLaren-TAG Porsche)

(1986) – ” ” – Alain Prost (FRA, McLaren-TAG Porsche)

(1987) – ” ” – Nigel Mansell (GBR, Williams-Honda)

(1997) – A1-Ring – Jacques Villeneuve (CAN, William-Renault)

(1998) – ” ” – Mika Hakkinen (FIN, McLaren-Mercedes)

(1999) – ” ” – Eddie Irvine (GBR, Ferrari)

(2000) – ” ” – Mika Hakkinen (FIN, McLaren-Mercedes)

(2001) – ” ” – David Coulthard (GBR, McLaren-Mercedes)

(2002) – ” ” – Michael Schumacher (GER, Ferrari)

(2003) – ” ” – Michael Schumacher (GER, Ferrari)

(2014) – Red Bull Ring – Nico Rosberg (GER, Mercedes)

(2015) – ” ” – Nico Rosberg (GER, Mercedes)

(2016) – ” ” – Lewis Hamilton (GBR, Mercedes)

(2017) – ” ” – Valtteri Bottas (FIN, Mercedes)

(2018) – ” ” – Max Verstappen (NED, Red Bull-TAG Heuer)

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo