F1 Giappone 2017, Ricciardo: “Buon podio. Peccato per la partenza”

Anche Daniel Ricciardo può lasciare Suzuka con il sorriso. Sul circuito nipponico, il pilota della Red Bull chiude al 3° posto, agguantando il nono podio stagionale, quarto nelle ultime cinque uscite. Dopo una partenza non perfetta, costatagli la posizione a favore del team mate Max Verstappen e di Esteban Ocon, il nativo di Perth ha messo in mostra la consueta solidità, resistendo nel finale alla rimonta di Valtteri Bottas, blindando il gradino più basso del podio.

Daniel Ricciardo, durante la Drivers Parade a Suzuka. Il pilota Red Bull ha concluso al 3° posto la gara (foto da: facebook.com/redbullracing)

Purtroppo la mia gara è stata segnata dalla partenza. Ho avuto un problema di accelerazione con la monoposto, che ha reso imperfetto il mio stacco al via” – ha spiegato Ricciardo – “Non so cosa sarebbe successo se tutto fosse andato per il meglio, ma sapevo di avere Max al mio fianco e il mio spunto non è stato sufficiente per mantenere la posizione“.

Il resto della gara, sinceramente, è stato abbastanza noioso” – prosegue l’italo-australiano – “Ho corso praticamente in solitaria e solo nel finale Bottas mi ha raggiunto. Una situazione piacevole, anche perchè sono tornato a spingere negli ultimi 4-5 giri. Prima di ciò, soltanto l’uscita di pista di Lance Stroll ha un pò ravvivato la gara. Non dico di aver voluto che mi colpisse, ma almeno ha aggiunto un pò di suspence“.

Ad inizio gara sono rimasto qualche giro dietro ad Ocon, passandolo poco dopo la ripartenza da safety car” – conclude Daniel – “Poi ho avuto un buon ritmo con le Supersoft. Quando sono passato alle Soft, invece, dopo un buon inizio ho iniziato a soffrire di blistering sull’anteriore sinistra, complicandomi un pò le cose nel finale. Comunque sono contento per questo podio“.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo