F1 Diretta Streaming Gran Premio del Belgio a SPA 30-08-2020

Come vedere il Gran Premio del Belgio di Formula 1 sul circuito a SPA in Diretta Tv e Streaming Live: Sky trasmetterà la diretta tv in esclusiva su Sky Sport F1 HD e Sky Uno a partire dalle 15:10.
Su Tv8 andrà in onda la differita alle 18:00.
E’possibile vedere il GP del Belgio in diretta Streaming su Sky Go e Now Tv.

Alle ore 15:10 di domenica 29 agosto prenderà il via il Gran Premio di Belgio, 7° prova del mondiale di Formula 1 2020, che si corre sul circuito di SPA.

Torna il mondiale di Formula 1 a due settimane dal Gran Premio di Spagna vinto da Lewis Hamilton davanti a Max Verstappen e Valtteri Bottas.

Quella del 2020 è la 75° edizione del Gran Premio del Belgio che si corre sullo storico circuito di Spa-Francorchamps che si trova nel mezzo delle Ardenne.

Il Gran Premio di Belgio sarà trasmesso in diretta tv in esclusiva sulla piattaforma Sky domenica 29 agosto a partire dalle ore 15:10 sui canali Sky Sport F1 numero 207 e su Sky Sport Uno al canale 201.

Negli ultimi due anni la Ferrari è stata dominatrice incontrastata sul circuito di SPA.
Nel 2018 e 2019 infatti ci sono state due doppiette della Rossa di Maranello con la vittoria di Sebastian Vettel davanti a Kimi Raikkonen nel 2018 e quella di Charles Leclerc davanti a Vettel nel 2019.

La Mercedes non vince sul circuito di SPA dal 2017 con Lewis Hamilton, nel 2016 aveva vinto con Nico Rosberg e nel 2015 ancora Hamilton.

Quest’anno purtroppo sarà molto difficile per la Ferrari ripetere una gara da protagonista come le scorse stagioni visto che nelle qualifiche di ieri i due ferraristi non sono andati oltre il 13° e 14° posto e partiranno entrambi dalla 7° fila. Charles Leclerc infatti ha fatto il 13° tempo in qualifica mentre Sebastian Vettel il 14°.

Nei 6 Gran Premi che si sono corsi nel 2020 la Ferrari ha ottenuto come miglior risultato un terzo e quarto posto con Charles Leclerc e per il resto cè stata solo tanta delusione e amarezza per le prestazioni della SF1000 ed i suoi tifosi.

Come vedere il Gran Premio di Belgio di F1 in Diretta Tv e Streaming Live:

Elenco Canali: Sky Sport F1 HD e  Rai 1 (Diretta Tv);  Sky Go, Nowtv e Raiplay (Streaming)

Diretta Tv sul Satellite:
In pay tv e per gli Abbonati su Sky Sport F1 HD.
Il Gran Premio di Belgio di Formula 1 al SPA dalle ore 15:10 di domenica 29 Agosto sarà trasmesso in diretta Tv su Sky Sport Uno canale 201 e Sky Sport F1 (canale 207).

La telecronaca su Sky Sport è come sempre di Carlo Vanzini affiancato dal commento tecnico di Marc Gené e Roberto Chinchero.
Inviati al paddock Federica Masolin, Jacques Villeneuve e Davide Valsecchi.
L’inviata ai box è Mara Sangiorgio che raccoglierà le dichiarazioni dei piloti prima e dopo la gara.

Differita sul Digitale terrestre:

TV8 trasmetterà la differita in chiaro il Gran Premio di Belgio di F1 a partire dalle ore 18:00 di domenica.

Cronaca Diretta Live:

Su Stadiosport è possibile seguire la Cronaca Diretta Live del Gran Premio di Belgio con aggiornamenti in tempo reale.

DIRETTA STREAMING GRAN PREMIO DI BELGIO:

Gli abbonati a Sky Sport grazie al servizio Sky Go possono guardare il Gran Premio di Belgio in diretta streaming live su Pc, smartphone e tablet.

Inoltre grazie al servizio Now-tv è possibile acquistare la visione dell’evento del Gran Premio di Belgio di Formula 1 .

DIRETTA TV ESTERE:

Oltre alle possibilità indicate in precedenza, diverse emittenti svizzere, tedesche e austriache quali La2, RSI, RTL e ORF che hanno acquistato i diritti tv per il mondiale di Formula 1 e trasmettono sia in diretta tv che in diretta streaming il Gran Premio di Belgio di F1.

Griglia di Partenza Gran Premio del Belgio 2020:

1 44 Lewis Hamilton MERCEDES 1:41.252
2 77 Valtteri Bottas MERCEDES 1:41.763
3 33 Max Verstappen RED BULL RACING HONDA 1:41.778
4 3 Daniel Ricciardo RENAULT 1:42.061
5 23 Alexander Albon RED BULL RACING HONDA 1:42.264
6 31 Esteban Ocon RENAULT 1:42.396
7 55 Carlos Sainz MCLAREN RENAULT 1:42.438
8 11 Sergio Perez RACING POINT BWT MERCEDES 1:42.532
9 18 Lance Stroll RACING POINT BWT MERCEDES 1:42.603
10 4 Lando Norris MCLAREN RENAULT 1:42.657
11 26 Daniil Kvyat ALPHATAURI HONDA 1:42.730
12 10 Pierre Gasly ALPHATAURI HONDA 1:42.745
13 16 Charles Leclerc FERRARI 1:42.996
14 5 Sebastian Vettel FERRARI 1:43.261
15 63 George Russell WILLIAMS MERCEDES 1:43.468
16 7 Kimi Räikkönen ALFA ROMEO RACING FERRARI 1:43.743
17 8 Romain Grosjean HAAS FERRARI 1:43.838
18 99 Antonio Giovinazzi ALFA ROMEO RACING FERRARI 1:43.950
19 6 Nicholas Latifi WILLIAMS MERCEDES 1:44.138
20 20 Kevin Magnussen HAAS FERRARI 1:44.314

F1 GP BELGIO: IL CIRCUITO DI SPA-FRANCORCHAMPS

Nome: Circuit de Spa- Francorchamps

Località: Francorchamps, vicino Spa

Lunghezza tracciato: 7.004 m

Numero di curve: 19

Record: 1’46″286, Valtteri Bottas, Mercedes W09

Il circuito di Spa vanta una storia davvero leggendaria, che affonda le sue radici negli anni pionieristici del motorsport. Ragion per cui non ci si può esimere dal ripercorrerne, anche se solo per sommi capi, il suo sviluppo. Costruito nei primi anni ’20, unendo le strade statali che collegano gli abitati di Malmedy, Stavelot e Francorchamps, creando un circuito lungo circa 14.9 km con forma vagamente triangolare, Spa entra subito nel novero dei circuiti più spettacolari e probanti per piloti e monoposto. Grazie alle tante sezioni tecniche ed alle elevate velocità medie di percorrenza, il coraggio dei corridori viene messo a dura prova. La prima gara risale al 1922, mentre due anni dopo arriva la prima edizione della famosa 24 Ore. Nel 1925 debuttano le vetture Grand Prix, con la prima edizione del Gran Premio del Belgio, vinta da Antonio Ascari su Alfa Romeo. Sul finire degli anni ’30, il circuito viene modificato con l’intento di farne uno dei templi della velocità del motorsport mondiale. La lenta sezione dell’Ancienne Douane viene sostituita con quella che è attualmente il simbolo del circuito e della Formula 1, l’Eau Rouge-Raidillon. Questa modifica artificiale fa scendere la lunghezza della pista a 14.1 km, ma la rende ancor più veloce e spettacolare.

Immagine d’epoca risalente al Gran Premio del Belgio del 1952, con Alberto Ascari, Ferrari, che guida il gruppo, seguito dall’altra ‘500’ di Giuseppe Farina e dalla Gordini di Jean Behra (foto da: pinterest.com)

Questa configurazione, che debutta nell’edizione del 1939 (vittoria di Hermann Lang su Mercedes-Benz), accompagna anche il Gran Premio del Belgio nel Mondiale di Formula 1, che vede la luce nel 1950. Teatro di epiche battaglie e di grandi tragedie (su tutte l’edizione del 1960, con i decessi dei giovani britannici Alan Stacey e Chris Bistrow), il circuito si inserisce alla perfezione nell’epoca d’oro dei Cavalieri del Rischio; la pista per antonomasia, dove il fenomeno spicca sul pilota normale, nella quale la capacità di portarsi il più vicino possibile al limite fa la differenza. Questo carattere di Spa, spettacolare e veloce ma allo stesso tempo estremamente pericolosa, ne segna la fine. Al tramonto degli anni ’60, con le monoposto divenute sempre più veloci, soprattutto in percorrenza di curva grazie ad innovazioni come gli alettoni (montati per la prima volta dalla Ferrari nell’edizione del 1968), il sindacato dei piloti (GPDA) fa pressioni prima per un miglioramento delle condizioni di sicurezza; vista l’impossibilità di tali interventi, si opta per l’abbandono di Spa, cosa che avviene dopo il 1970, ultima edizione disputata sul layout originario (vittoria di Pedro Rodriguez su BRM).

Abbandonata dal Circus e sostituita con alterne fortune da Nivelles e Zolder, lo storico circuito viene sottoposto ad un pesante lavoro di restyling durato tutti gli anni ’70, fino a passare all’aspetto attuale, con la costruzione di un tracciato semi-permanente e di una bretella ad unire le due sezioni del vecchio circuito ancora in uso. Inaugurata nel 1979, la nuova Spa vede l’introduzione della doppia chicane Bus Stop nel 1980, con la lunghezza che arriva a 6.949 m. La Formula 1 fa il suo ritorno nel 1983 (successo di Alain Prost su Renault); in pianta stabile dal 1985. Da allora, gli unici cambiamenti di rilievo nel layout (2007) sono stati la trasformazione della Bus Stop in un unico destra-sinistra lento in salita e lo spostamento in avanti della Source, che hanno allungato il circuito fino a 7.004 m.

Andiamo a percorrere un giro a Spa. Superato il traguardo, i piloti arrivano subito alla prima staccata, in salita, ovvero il tornantino a destra della Source, dove praticamente si scollina, lanciandosi in picchiata verso il punto più famoso della pista. Ad attendere i piloti c’è l’Eau Rouge-Raidillon, sinistra-destra-sinistra in salita mozzafiato, meno complicato che in passato ma non meno affascinante. Ci si lancia poi sul rettilineo del Kemmel, teatro del celeberrimo sorpasso di Mika Hakkinen su Michael Schumacher nel 2000, con Riccardo Zonta nel mezzo. E’ il turno poi della esse (destra-sinistra) di Les Combes, seguita, immediatamente dopo, dalla curva a destra Malmedy, in uscita dalla quale si percorre un allungo in discesa che porta al tornante a destra Rivage, con una staccata complicata in discesa, molto insidiosa soprattutto in condizioni di bagnato.

L’attuale layout del circuito di Spa-Francorchamps (foto da: en.wikipedia.org)

Dopo un piccolo tratto in accelerazione, i piloti affrontano una veloce piega a sinistra (Bruxelles), per poi giungere in un altro punto caratteristico del tracciato belga, ovvero la doppia curva a sinistra Puhon. Dopo un ulteriore tratto rettilineo, i piloti affrontano una nuova esse destra-sinistra, ovvero sia Les Fagnes, in seguito alla quale trovano due curve a destra quasi speculari, a 90°, la Paul Frere e la Stavelot. Usciti già a velocità sostenuta dall’ultima piega, i piloti affrontano, un altro tratto velocissimo dove andare in pieno, quello che comprende la Blanchimont, pazzesco curvone a sinistra da percorrere ad oltre 300 km/h, superato il quale si giunge all’ultima, decisa staccata, quella della Bus Stop, lento destra-sinistra in salita, in uscita dal quale si ritorna sul rettilineo dei box.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Carlo M.

Informazioni sull'autore
Responsabile editoriale, appassionato di Sport (Calcio - F1 - MotoGp)
Tutti i post di Carlo M.