F1, Budkowski: “Con le nuove regole, i top team potrebbero perdere del vantaggio sugli altri”

Come ribadito in altre occasioni, la stagione 2019 sarà molto importante per le ambizioni future della Reanult. Nelle intenzioni dei vertici di Viry-Chatillon e di Enstone, infatti, c’è da continuare nel percorso intrapreso dal 2016, annata che ha visto il ritorno della Casa della Losanga nel Circus con una scuderia propria. Un percorso che i vari Abiteboul e soci sperano sia di crescita, proseguendo con il trend che, lo scorso anno, li ha condotti al 4° posto nei Costruttori.

Marcin Budkowski, direttore esecutivo polacco del team Renault, ai tempi della sua militanza nella FIA (foto da: autoracing.com.br)

In Renault guardano soprattutto al 2021 per quanto riguarda un’ipotetica lotta al titolo, ma non hanno fatto mistero di puntare ad avvicinarsi ai tre top team (Ferrari, Mercedes e Red Bull), sperando in un’erosione di un gap che, a fine 2018, era ancora molto consistente. Secondo il direttore esecutivo di Renault Sport, Marcin Budkowski, ad aiutare Renault (e di rimando anche gli altri team) potrebbero giungere in soccorso le nuove regole che entreranno in vigore in questo 2019.

Secondo il polacco, infatti, la nuova veste aerodinamica delle monoposto potrebbe comportare per i big la perdita di gran parte del vantaggio di cui godevano sul resto della griglia di partenza. “A mio parere, i team migliori subiranno una perdita di performance notevole. Per quel che riguarda noi, non posso certo dirvi dove ci troviamo in questo momento, ma all’inizio anche nel nostro caso c’è stata una gran perdita di downforce“, ha commentato Budkowski a Motorsport.com.

I top team avevano vetture veloci e già ottimizzate e avranno dovuto fare un passo indietro più grande. Dall’altro lato, però, sono equipaggiati in modo da recuperare velocemente, dato che hanno strutture con ingenti risorse” – aggiunge Budkowski – “A mio modo di vedere, al momento è difficile dire chi sia più avanti e chi, invece, abbia fatto un grande passo indietro. Ho la sensazione che il divario tra top team e squadre di centro classifica si sarà ridotto“.

Indipendentemente da tutto, l’uomo di punta Renault pensa che il team dovrà fare del suo meglio con la sua monoposto, mettendosi in posizione di poter approfittare di eventuali situazioni favorevoli. “Se devo essere sincero, pensare di recuperare in un solo inverno tutto il secondo e mezzo che pativamo dai primi a fine 2018 è impossibile” – prosegue il 41enne nativo di Varsavia – “Dobbiamo cercare di estrarre il massimo dalla vettura, fare il nostro miglior lavoro sia nell’interpretare le regole che nello sviluppo in fabbrica, in modo da raggiungere i nostri obiettivi. Se dovessimo riuscirci e se gli altri non dovessero fare un buon lavoro, allora questa situazione sarà favorevole per noi“.

Infine, non poteva mancare la stoccata agli ex partner della Red Bull, riferita al diniego della Red Bull di dare il via libera a Daniel Ricciardo per partecipare con il suo nuovo team ai test di Abu Dhabi che hanno concluso il 2018. Secondo Budkowski, questo è dipeso dal fatto che a Milton Keynes temano il potenziale del duo Ricciardo-Renault: “Avremmo voluto che Daniel guidasse la nostra monoposto già ad Abu Dhabi, in modo da avere i suoi pareri sulla R.S.18. Come sapete, però, ciò non è stato possibile. Pur non volendo puntare il dito contro nessuno, ciò è lusinghiero per noi, poiché significa che hanno paura di noi, non volendo concederci questo tipo di vantaggio“.

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SISAL

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo