Emergenza Covid-19: a rischio Pordenone-Venezia

Il Covid-19 c’è ancora, non si sa con quale grado di intensità, ma la raccomandazione per tutti è quella di rispettare tutte le norme vista la pericolosità di questo infame virus.

Proprio per questo è subito partito il campanello di allarme, anzi una vera e propria campana, quando il Venezia ha dato notizia, la sera del 15 giugno, della positività del difensore Gian Filippo Felicioli.

Isolato il ragazzo e attivato il protocollo, la squadra aveva messo in dubbio, tramite il nuovo proprietario Duncan Niederauer, di poter scendere in campo per la sfida esterna in programma questa sera alle 20:30 contro il Pordenone sul campo neutro di Trieste.

Nelle scorse ore il club lagunare ha confermato il tutto con il seguente comunicato affidato al suo sito web: “Il Venezia FC comunica che, data la situazione attuale, non sussistono le condizioni minime per poter disputare la partita in programma domani sera alle 20,30 a Trieste contro il Pordenone. La comunicazione della Lega B relativa al protocollo “soft” è pervenuta solamente nella tarda mattinata di oggi (ieri, N.D.R.). Così come previsto dalla nuova circolare del Ministero della Salute, il club si è messo tempestivamente in contatto con l’ASL al fine di ottenere le autorizzazioni necessarie a disputare la partita di domani. La stessa comunicava alla società la necessità di sottoporre nel giorno della gara il gruppo squadra ai tamponi previsti dal nuovo protocollo consentendo al gruppo squadra di trasferirsi a Trieste solamente nella giornata di domani successivamente all’effettuazione dei tamponi“.

In poche parole, per poter partire vero Trieste sarebbe stato necessario attendere i tamponi e partire solo nel giorno della partita, con tutte le complicazioni del caso.

Per quanto riguarda l’altra campana, il presidente dei friulani Mauro Lovisa è ben poco diplomatico e dice che il Venezia dovrà rispondere delle sue azioni qualora non si presenti in campo; stando alle sue parole, i ramarri saranno presenti anche perché c’è un’altra sfida in programma tra soli sei giorni e non si può più ritardare.

Sostanzialmente pare un modo per minacciare gli avversari di richiedere la vittoria a tavolino in caso di rinuncia alla partita. Adesso la palla passa alla Lega B, che dovrà decidere il da farsi in pochissime ore. L’orrore ci pervade al sol pensiero.

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SISAL

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus