Cronaca Diretta Gran Premio d’Italia di Formula 1 a Monza 08-09-2019

Cronaca Diretta Gran Premio d’Italia di Formula 1 a Monza, Domenica 8 Settembre 2019 ore 15:10

Leclerc vince il Gran Prmio d’Italia 2019 (foto da: twitter.com/ScuderiaFerrari)

Ordine d’Arrivo Gran Premio d’Italia di F1 2019:

116Charles LeclercFERRARI531:15:26.66525
277Valtteri BottasMERCEDES53+0.835s18
344Lewis HamiltonMERCEDES53+35.199s16
43Daniel RicciardoRENAULT53+45.515s12
527Nico HulkenbergRENAULT53+58.165s10
623Alexander AlbonRED BULL RACING HONDA53+59.315s8
711Sergio PerezRACING POINT BWT MERCEDES53+73.802s6
833Max VerstappenRED BULL RACING HONDA53+74.492s4
999Antonio GiovinazziALFA ROMEO RACING FERRARI52+1 lap2
104Lando NorrisMCLAREN RENAULT52+1 lap1
1110Pierre GaslySCUDERIA TORO ROSSO HONDA52+1 lap0
1218Lance StrollRACING POINT BWT MERCEDES52+1 lap0
135Sebastian VettelFERRARI52+1 lap0
1463George RussellWILLIAMS MERCEDES52+1 lap0
157Kimi RäikkönenALFA ROMEO RACING FERRARI52+1 lap0
168Romain GrosjeanHAAS FERRARI52+1 lap0
1788Robert KubicaWILLIAMS MERCEDES51+2 laps0
NC20Kevin MagnussenHAAS FERRARI43DNF0
NC26Daniil KvyatSCUDERIA TORO ROSSO HONDA29DNF0
NC55Carlos SainzMCLAREN RENAULT27DNF0

Cronaca Gara GP d’Italia di F1 2019:

Giro 53/53 Inizia l’ultimo giro! Leclerc e Bottas si apprestano a doppiare l’Alfa Romeo di Antonio Giovinazzi. Charles Leclerc vince il Gran Premio d’Italia e la Ferrari torna a vincere a Monza dopo 9 anni di assenza! Questa la classifica finale del Gran Premio d’Italia: Leclerc vince davanti a Bottas, Hamilton, Ricciardo, Hulkenberg, Albon, Perez, Verstappen, Giovinazzi e Norris

Giro 51/53 Quando mancano ormai solo 2 giri alla fine del GP d’Italia Leclerc mentiene  1″2 di vantaggio su Bottas

Giro 50/53 Piccola sbavatura di Leclerc alla Roggia, Bottas che si riporta sotto ma commette anche lui un errore in Prima Variante e perde così decimi preziosi!

Giro 49/53 Bottas non molla, ma Leclerc tiene duro e mantiene il suo vantaggio sul secondo. Seconda sosta ai box per Hamilton

Giro 47/53 Ancora un Giro veloce per Valtteri Bottas in 1:22.859, il finlandese guadagna un decimo e mezzo su Leclerc 

Giro 46/53 Magnussen è costretto al ritiro. Bottas continua a rosicchiare decimi preziosi su Leclerc con l’obiettivo di entrare in zona DRS nel finale di gara

Giro 44/53 Vettel effettua la seconda sosta ai box. Hamilton non riesce a tenere il passo di Bottas in quanto non ha più le gomme al meglio, il finlandese ora è a 1”3 da Leclerc! Si preannunciano 9 giri infuocati per la vittoria del GP d’Italia!

Giro 42/53 Errore di Lewis Hamilton che arriva lungo alla Prima Variante e ne approfitta Bottas per sorpassarlo! Il finlandese ora si mette subito alla caccia di Leclerc

Giro 41/53 Sergio Perez sorpassa Giovinazzi e si prende la 7° posizione. Bottas continua a guadagnare sui due di testa ed è sempre più vicino

Giro 37/53 La commissione non intraprende nessuna azione per il taglio della chicane di Leclerc, in quanto non ne ha tratto alcun vantaggio. Intanto Valtteri Bottas con gomme fresche sta inanellando una serie di giri veloci e si è riportato sulla coppia di testa 

Giro 36/53 Leclerc arriva lungo alla Prima Variante ed è costretto a tagliare la chicane,  Hamilton prova subito l’attacco ma ancora una volta il pilota della Ferrari si difende bene

Giro 33/53  Leclerc e Hamilton  vanno a doppiare Sebastian Vettel con il britannico che prova ad attaccare il monegasco ma la SF90 è troppo veloce in rettilineo ed il ferrarista riesce a mantenere la prima posizione. 

Giro 32/53 Questa la classifica quando mancano 21 giri alla fine: Leclerc, Hamilton, Bottas, Ricciardo, Hulkenberg, Giovinazzi, Albon, Perez, Magnussen e Norris

Giro 31/53 Kvyat ha problemi alla sua Toro Rosso e si ferma subito dopo la Prima Variante,  VSC nuovamente azionata

Giro 29/53 Rimossa la McLaren di Carlos Sainz, ricomincia il duello tra Leclerc e Hamilton che sono ormai attaccati

Giro 28/53 Bottas si ferma ai box per il suo pit stop e monta anche lui gomme medie per arrivare sino a fine gara. Sainz si ferma ai box ma riparte con la gomma anteriore destra non fissata bene ed è costretto al ritiro subito dopo l’uscita della pit-lane. Virtual Safety Car in pista per rimuovere la McLaren.

Giro 26/53 Leclerc ed Hamilton sorpassano la Renault di Ricciardo senza grandi difficoltà

Giro 24/53 Leclerc fa segnare il giro veloce in gara 

Giro 23/53 Leclerc sorpassa Hulkenberg alla Parabolica e anche Lewis Hamilton riesce ad infilarsi e prova subito l’attacco al monegasco alla Prima Variante. Leclerc è bravo a chiudere

Giro 22/53 Hamilton prova a mettere pressione a Leclerc facendosi vedere negli specchietti alla Prima Variante Ascari. Leclerc resiste sfruttando anche la scia di Hulkenberg che è davanti. Si ferma per la sosta anche Antonio Giovinazzi con la sua Alfa Romeo

Giro 21/53 Rientra ai box anche Leclerc! Sosta in 2″3  rientro in pista davanti ad Hamilton per il monegasco. Ora Leclerc gira con gomme dure mentre Hamilton monta medium

Giro 20/53 Hamilton rientra ai box per il suo pit stop tentando l’undercut nei confronti di Leclerc. Il britannico della Mercedes rientra in pista al quinto posto davanti a Carlos Sainz

Giro 16/53 Leclerc ha incrementato il suo vantaggio a 1″4 su Hamilton e 3″4 su Bottas. I meccanici Mercedes si fanno vedere pronti con gomme Medium.

Giro 14/53 Vettel rientra ai box subito per scontare la penalità e rientra in pista doppiato dietro le due Mercedes.

Giro 12/53 Arrivata la sanzione nei confronti di Sebastian Vettel che dovrà effettuare uno Stop and go di 10 secondi

Giro 7/53 Vettel è costretto a rientrare ai box per sostituire l’ala anteriore danneggiata e molto probabilmente gli verrà inflitta una penalità per la manovra pericolosa al rientro in pista dopo il testacoda

Giro 6/53 Incredibile! Sebastian Vettel va in testacoda da solo alla variante Ascari, poi rientra subito in pista e viene sfiorato da Stroll che stava sopraggiungendo e finisce anche lui in testacoda provocando l’uscita sulla ghiaia di una Toro Rosso

Giro 4/53 La manovra di Sainz ai danni di Albon viene considerata pericolosa ed è Under Investigation da parte della commissione di gara. Leclerc è sempre al comando con 1″ di vantaggio su Hamilton, a seguire ci sono Bottas, Vettel e Ricciardo che ha superato Hulkenberg

Giro 3/53 Lotta serrata tra Sainz e Albon con il pilota della Red Bull che finisce sulla ghiaia alla Lesmo 1 e perde diverse posizioni

Giro 2/53 Leclerc conclude il primo giro con 7 centesimi di vantaggio su Hamilton e a seguire ci sono Bottas, Vettel che ha ripreso la posizione su Hulkenberg. Dietro il quartetto di testa Ricciardo, Stroll, Sainz, Albon e Giovinazzi.

Giro 1/53 Partiti! Ottimo scatto di Leclerc dalla pole position che riesce a mantenersi alle spalle le due Mercedes alla prima variante Ascari dove c’è subito un contatto che vede coinvolto Verstappen. Alla seconda variante Hulkenberg attacca e sorpassa subito Sebastian Vettel!Ore 15:10 Partiti per il giro di formazione

Ore 15:00 Tutto pronto per il Gran Premio d’Italia di Formula 1 2019, tutti i piloti partiranno con gomme a banda rossa e sono previste o una o due soste in gara tra il 19° ed il 29° giro.

 

Monza è uno dei circuiti storici della Formula 1 che garantisce grande spettacolo grazie alle sue chicane veloci e lunghi rettilinei dove le monoposto raggiungono velocità incredibili.
La lunghezza del circuito è di 5,793 km con 11 curve. In gara sono previsti 53 giri per un totale di 306,720 km da percorrere.
Il podio del 2018 ha visto Lewis Hamilton sul gradino più alto seguito da Kimi Raikkonen e Valtteri Bottas.
Questa mattina sul circuito di Monza è caduta pioggia battente ma dalle 14:00 la situazione meteo dovrebbe migliorare e si prevede una gara asciutta.

Griglia di Partenza GP d’Italia di Formula 1:

1 16 Charles Leclerc FERRARI 1:19.307
2 44 Lewis Hamilton MERCEDES 1:19.346

3 77 Valtteri Bottas MERCEDES 1:19.354
4 5 Sebastian Vettel FERRARI 1:19.457

5 3 Daniel Ricciardo RENAULT 1:19.839
6 27 Nico Hulkenberg RENAULT 1:20.049

7 55 Carlos Sainz MCLAREN RENAULT 1:20.455
8 23 Alexander Albon RED BULL RACING HONDA

9 18 Lance Stroll RACING POINT BWT MERCEDES
10 7 Kimi Räikkönen ALFA ROMEO RACING FERRARI

11 99 Antonio Giovinazzi ALFA ROMEO RACING FERRARI 1:20.517
12 20 Kevin Magnussen HAAS FERRARI 1:20.615

13 26 Daniil Kvyat SCUDERIA TORO ROSSO HONDA 1:20.630
14 8 Romain Grosjean HAAS FERRARI 1:20.784

15 11 Sergio Perez RACING POINT BWT MERCEDES 1:21.291
16 63 George Russell WILLIAMS MERCEDES 1:21.800

17 88 Robert Kubica WILLIAMS MERCEDES 1:22.356
18 4 Lando Norris MCLAREN RENAULT 1:21.068

19 10 Pierre Gasly SCUDERIA TORO ROSSO HONDA 1:21.125
20 33 Max Verstappen RED BULL RACING HONDA

Risultati Qualifiche Gran Premio d’Italia di Formula 1:

Charles Leclerc ha conquistato la pole del Gran Premio d’Italia 2019 sul circuito di Monza. Il pilota monegasco della Ferrari conquista così la 4° pole position stagionale, la 21.esima per la Ferrari a Monza. Ma abbiamo assistito a delle qualifiche surreali, con uno ‘spettacolo’ degno delle peggiori meline viste in Moto3. In Q3, dopo la bandiera rossa provocata da Kimi Raikkonen, nessuno voleva scendere in pista prima degli altri e così, con sei minuti e mezzo a disposizione, tutti si sono mossi con meno di due minuti dalla bandiera scacchi. L’ulteriore rallentamento in pista (su tutti Nico Hulkenberg e Lance Stroll) ha causato la grottesca situazione di veder i piloti, eccetto Leclerc e Carlos Sainz, beccare bandiera, senza poter fare il secondo tentativo. Inutile sottolineare come il tutto sia sotto investigazione da parte della direzione gara, per cui la classifica potrebbe subire grosse mutazioni nelle prossime ore.

Per la quarta volta in carriera, Charles Leclerc ottiene la pole position. Domani a Monza partirà davanti alle due Mercedes e a Sebastian Vettel (foto da: twitter.com/ScuderiaFerrari)

Ma torniamo a quanto visto in pista. Leclerc ha ottenuto il miglior tempo in 1:19.307, precedendo di 39 millesimi Lewis Hamilton e di 47 Valtteri Bottas, in seconda fila assieme a Sebastian Vettel (+0.150).

Le due Renault occupano la terza fila, con Daniel Ricciardo (+0.532) davanti a Hulkenberg (+0.742); in quarta fila Carlos Sainz, McLaren (+1.148), ed Alexander Albon, Red Bull (no time).

In quinta fila Lance Stroll, Racing Point (no time), e Kimi Raikkonen (no time), la cui Alfa presumibilmente potrebbe subire la sostituzione del cambio, visto l’incidente ad inizio Q3. Sesta fila con Antonio Giovinazzi (Alfa Romeo) e Kevin Magnussen (Haas), seguiti in settima da Daniil Kvyat (Toro Rosso) e Romain Grosjean (Haas).

In ottava troviamo Sergio Perez (Racing Point) e George Russell (Williams), mentre in nona, assieme a Robert Kubica (Williams), ci sarà Lando Norris (McLaren). L’inglese, così come Pierre Gasly (Toro Rosso) e Max Verstappen (Red Bull), che chiuderanno lo schieramento, partiranno dal fondo per aver sostituito interamente il propulsore.

Pre-Gara Gran Premio d’Italia di Formula 1 2019:

Ormai ci siamo, il weekend del Gran Premio d’Italia è finalmente arrivato. Il mitico Tempio della Velocità di Monza si appresta ad ospitare un’edizione della gara nostrana molto importante, ricorrendone la 70.esima edizione (90.esima in totale), nonché 14.esimo appuntamento della stagione 2019.

Si giunge nel Parco Reale di Monza con animi assolutamente contrastanti: da un lato c’è la soddisfazione, da parte della Ferrari, di essersi sbloccata in quel di Spa-Francorchamps grazie all’impresa di Charles Leclerc; dall’altra, però, non può esser dimenticato quanto accaduto sabato 31 Agosto, con la tragica dipartita del francese Anthoine Hubert.

In questo clima, la SF90, che vedrà il debutto del propulsore Spec-3, si presenta da grande favorita, con il monegasco e Sebastian Vettel chiamati ad interrompere un digiuno che sulla pista di casa dura ormai dal 2010. Attenzione, come sempre, alla Mercedes, con Lewis Hamilton che non vorrà lasciare nulla di intentato.

Più defilato (ma guai a sottovalutarlo) Max Verstappen, desideroso di riscattare la deludente domenica belga, con l’obiettivo di riavvicinarsi al 2° posto di Valtteri Bottas.

Lo spettacolo del podio di Monza, al termine del Gran Premio 2017 (foto da: twitter.com)

F1 GP ITALIA 2019: IL CIRCUITO DI MONZA

Situato nel Parco di Monza, il quarto recintato più grande d’Europa, il maggiore circondato da mura, la costruzione dell’autodromo venne decisa nel mese di gennaio del 1922 dall’Automobile Club di Milano, per festeggiarne il 25.esimo anniversario. Il via ai lavori venne dato il 15 Maggio e terminati appena 110 giorni dopo, con il primo giro completo di pista (10 km) effettuato il 28 Luglio dalla coppia Bordino-Nazzaro, al volante di una Fiat 570. Sin da subito Monza divenne centrale nel panorama motoristico internazionale, essendo il terzo circuito permanente al mondo, dietro solo ad Indianapolis (1909) e al circuito inglese di Brooklands (1907), poi chiuso nel 1945. Sempre nel 1922, il circuito ospitò per la prima volta il Gran Premio d’Italia, disputatosi nella sua prima edizione, l’anno prima, sul cittadino di Montichiari. Da allora, solo in altre quattro edizioni l’evento non ha visto Monza come sede: nel 1937, presso il circuito di Montenero, a Livorno; nel 1947 a Milano e nel 1948 a Torino, a causa degli ingenti danni provocati dai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale; nel 1980, infine, ad Imola, in seguito alle polemiche successive all’incidente mortale di Ronnie Peterson nell’edizione del 1978.

Immagine del rettifilo di Monza, teatro quest’anno della 70.esima edizione del Gran Premio d’Italia valevole per il Mondiale di Formula 1 (foto da: racefans.net)

Nel corso della sua storia, l’Autodromo ha subito vari interventi. Dalla presenza dell’Anello ad alta velocità all’introduzione delle varianti, tese a ridurre le velocità spaventose man mano raggiunte dalle monoposto, passando poi per alcuni cambi di pavimentazione, effettuati soprattutto nei primi anni di vita del circuito. Tutto questo, però, non ha stravolto il layout originario, rimasto grossomodo sempre lo stesso. La versione attuale di Monza risale al 2000 quando, al posto delle prime due chicane, venne realizzata la Variante Goodyear, un unico destra-sinistra molto stretto; inoltre, delle leggere modifiche riguardarono anche la Roggia e le due di Lesmo. In seguito, vennero rifatti box e paddock mentre, nel 2014, fu il turno della criticatissima asfaltatura della via di fuga della Parabolica. Attualmente il circuito misura 5.793 m; andiamo a percorrerne un giro.

Lanciate lungo il rettilineo dei box, le monoposto arrivano alla dura staccata della Variante Goodyear nella quale, in poco più di 2″, si scende da velocità superiori ai 360 km/h a 70-80 km/h; il cambio di direzione (destra-sinistra) lo si affronta in modo aggressivo, tagliando sui cordoli, per poi far scorrere la vettura verso l’esterno ed affrontare la successiva accelerazione, che porta alla Biassono (o Curva Grande), curvone a destra ad ampio raggio da percorrere in pieno. Successivamente abbiamo un’altra staccata molto importante, quella della Roggia, altra chicane (sinistra-destra) alla quale si giunge a velocità di circa 330 km/h. In uscita, i piloti affrontano un allungo che porta alla 1° di Lesmo, curva a destra cieca da 4° marcia, seguita subito dopo dalla 2° di Lesmo, altra curva a destra di media velocità.

Il layout del circuito di Monza (foto da: wikipedia.org)

Dopo aver percorso il Serraglio, leggera piega a sinistra dal raggio davvero ampio (circa 600 metri), le monoposto arrivano, dopo aver toccato punte superiori ai 340 km/h, alla Variante Ascari, spettacolare sinistra-destra-sinistra che immette sul rettilineo opposto a quello dei box. Dopo aver raggiunto nuovamente i 340-350 km/h, ecco l’ultima curva, ovvero la Parabolica, curvone a destra dal raggio variabile, che ha la particolarità di essere praticamente divisa in due, con una prima parte dove bisogna stare molto vicini al cordolo interno, per poi lasciar scorrere la vettura fino al limite della pista nella seconda parte. Quindi ci si lancia nuovamente sul rettilineo dei box, per un nuovo giro con il cuore in gola.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Carlo M.

Informazioni sull'autore
Responsabile editoriale, appassionato di Sport (Calcio - F1 - MotoGp)
Tutti i post di Carlo M.