Chelsea, Conte vince la causa: ecco il rimborso da 10 milioni di sterline

Niente “esonero per giusta causa” così come richiedeva il Chelsea. Dopo l’appello del tribunale, Abramovich dovrà versare 10 milioni di sterline nelle tasche di Antonio Conte.

L’indiscrezione lanciata dal Times trova conferma definitiva: Antonio Conte ha vinto la causa con il Chelsea e dovrà essere rimborsato di circa 10 milioni di sterline, circa 11,5 milioni di euro. Nulla, quindi, la richiesta del Chelsea di “esonero per giusta causa” avvenuto in seguito a problemi con Diego Costa e altri membri della squadra con Conte, a cui spetta da contratto la buonuscita così come prestabilito tra allenatore e presidente precedentemente. Le due parti incontratesi nel 2017 per adeguare il contratto, non per prolungarlo, scelsero infatti di inserire una penale che comprendeva pagamenti da una parte o dall’altra in caso di esonero/dimissioni. Detto, fatto: a distanza di pochi mesi il tribunale arbitrale ha emesso la sua sentenza definitiva e ha già informato le parti.

Una fruttuosa vittoria per il tecnico italiano, che si aggiunge al ricco contratto che l’allenatore firmerà con l’Inter nei prossimi giorni. Il suo approdo in nerazzurro è ormai imminente, addirittura, secondo le ultime indiscrezioni, l’ufficialità potrebbe arrivare nella giornata di martedì, momento in cui la squadra di Suning terminerà la stagione. Champions League o meno il nome del prossimo traghettatore è chiaro. 

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Orazio Redi

Informazioni sull'autore
Giornalista pubblicista, laureato in Scienze della comunicazione. Amante, sin da piccolo, di calcio e analisi dei linguaggi giornalistici. La citazione, che definisce perfettamente la mia ambizione, è questa qui di Steve Jobs: "L'unico modo per poter fare un ottimo lavoro sta nell'amare ciò che si fa. Il segreto è non accontentarsi mai e inseguire fino alla fine i propri sogni".
Tutti i post di Orazio Redi