Cagliari – Inter 1-3, voti e pagelle: nerazzurri brutti, Lukaku sempre presente, male Handanovic

LInter vince 3-1 in rimonta contro il Cagliari alla Sardegna Arena nel lunch match dell’11° giornata di Serie A e conquista la 4° vittoria consecutiva in campionato. Vantaggio nel primo tempo di Sottil, i nerazzurri ribaltano il match a poco dal termine con Barella, D’Ambrosio e Lukaku.

Dopo l’umiliante uscita alla fase a gironi di Champions League, l’Inter riparte dal solo campionato dove alla Sardegna Arena ottiene i 3 punti battendo 3-1 il Cagliari in rimonta. Prestazione comunque opaca dei nerazzurri, che dimostrano di non essere squadra in salute e per nulla tranquilla. Partita discreta dei padroni di casa, che pagano la minore cifra tecnica rispetto agli ospiti.

Rispetto alla fallimentare partita di mercoledì rispetto con lo Shakhtar Donetsk, Conte cambia 4 interpreti, confermando in toto solo il blocco difensivo. Cambiano gli esterni con Perisic e Darmian dall’inizio, chance per Eriksen da titolare e Sanchez al posto di Lautaro.

Il primo tempo conferma un’Inter spaventata e poco serena, tornata ormai ai soliti meccanismi di gioco schematici, con giocatori sfiduciati e imbrigliati. I nerazzurri creano qualche buona occasione (con Lukaku e con Sanchez) ma trovano la buona opposizione di un Cragno in forma.

Ma l’impressione è di una squadra che ha perso spirito e voglia, manchi in mentalità e probabilmente detesti come è costretta a giocare. Solito approccio mediocre al match, e al 45° alla prima vera chance rossoblu che puniscono con Sottil che batte un sempre più inadatto Handanovic con un sinistro incrociato. 1-0 all’intervallo per il Cagliari.

Nella ripresa, soprattutto verso l’ora di gioco l‘Inter e Antonio Conte visto il mortifero risultato dei tatticismi del tecnico, provano a ribaltarla buttandola nel disordine e con l’assenza di schemi.

Vanno dentro Hakimi, Lautaro Martinez e Sensi, l’Inter passa a una sorta di 4-3-1-2 ma l’idea e la testa non ci sono. Nerazzurri che la riaggiustano (un po’ simil Torino) con molta fortuna e per un avversario che gol a parte, non fa nulla ma che tiene sotto i nerazzurri fino a 13 minuti dalla fine .

Al 77° un destro al volo di Barella vale il pari, al 84° il subentrante D’Ambrosio (per Hakimi infortunato) inzucca il 2-1 e al 94° Lukaku su contropiede chiude il match. Un Inter brutta e fortunata trova 3 punti ma non convince ed è in piena convalescenza.

VOTI E PAGELLE CAGLIARI – INTER

TOP INTER

LUKAKU, 7: più impreciso e meno incisivo, forse per stanchezza e per l’assenza di un collega di reparto degno (Sanchez, 4). Ma è comunque quello più lucido, che prova la giocata e a prendersi responsabilità. Meritato il gol. In una squadra che sta colando a picco come mentalità e gioco, lui non merita di starci.

BARELLA, 6: Va detto che è abbastanza disordinato soprattutto nel primo tempo e sbaglia giocate, con un primo tempo insufficiente. Nella ripresa non rimane troppo lucido, ma ha il merito di riaprire la partita con 1 gol bello e 1 assist.

FLOP INTER

HANDANOVIC, 4: subisce un unico tiro pericoloso in tutta la partita, gol per il Cagliari. Rimane impalato a vedere il tiro di Sottil (buono ma non imprendibile) e nemmeno ci prova. Volendo fare un’esagerazione ma neanche troppo, l’Inter gioca quasi a porta vuota.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Riccardo Tanco

Informazioni sull'autore
Classe 1993, abito nella provincia di Milano. Tifoso dell'Inter. Giocatore preferito: Adriano
Tutti i post di Riccardo Tanco