Brasile: 2-0 agli USA nel segno di Neymar e Firmino

Gli uomini di Tite regolano gli States nel giro di quarantacinque minuti.

Dopo la cocente eliminazione dal Mondiale ad opera del Belgio, il Brasile riparte ed inizia il percorso che lo porterà alla Copa America 2019, della quale sarà paese ospitante. I verdeoro ci tengono a vincere la competizione essendo i padroni di casa e vogliono arrivarci al meglio.

Nella notte, al MetLife Stadium dell’East Rutherford, al Brasile basta solo il primo tempo per mettere gli USA al tappeto. Il vantaggio arriva all’11’ con Firmino che insacca a porta vuota su assist di Douglas Costa, autore di una cavalcata a tutta velocità molto nota ai tifosi della Juventus.

Gli USA non riescono a rendersi pericolosi e molti cross che arrivano dalle fasce sono tutti facilmente intercettati dall’ex Roma Alisson. Al 43′ ingenuità di Trapp che sgambetta Fabinho in area ed il messicano Guerrero concede la massima punizione. Dal dischetto Neymar è freddissimo e batte Steffen, spiazzandolo nettamente.

Ad inizio ripresa, la stella del PSG va ad un’unghia dalla doppietta, ma Steffen si oppone come può, rallentando la corsa del pallone e permettendo ai suoi di salvare sulla linea. L’unica occasione degna di nota per gli USA arriva su palla inattiva, con McKennie che riceve il pallone in area su punizione dalla sinistra, ma non riesce a calciare con potenza, rendendo tutto facile ad Alisson.

Non sarà stato un Brasile bello da vedersi, ma è stato un Brasile cinico, concreto, che ha saputo capitalizzare al meglio le occasioni avute. Tite, però, sa che per la qualità che hanno i suoi giocatori, questa nazionale può e deve esprimersi meglio in futuro, soprattutto se si vuole vincere la Copa America,

 

 

Danilo Servadei

Informazioni sull'autore
Laureando in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Giornalista pubblicista con la passione per il calcio estero e l'amore per quello giapponese e asiatico
Tutti i post di Danilo Servadei