F1 2018, Gp di Abu Dhabi, dichiarazioni di Vettel e Raikkonen dopo le prove libere

E’ terminata la prima giornata del Gp di Abu Dhabi, l’ultimo della stagione 2018.

La Ferrari è dietro anche alla Red Bull, oltre alla Mercedes. Quinta posizione per Raikkonen, sesta per Vettel, che denotano una certa difficoltà a stare nelle prime posizioni.

Vettel sul circuito di Abu Dhabi durante le prove libere.
Fonte: Twitter Vettel

Il pilota tedesco ammette le difficoltà avute nel corso della giornata, dato che è risultato il più lento ad Abu Dhabi dei sei migliori di questo mondiale. Certo c’è da considerare il differente lavoro svolto dai team nella giornata di Venerdì, che come al solito presenta diversi approcci, con scelte in funzione della due giorni successiva. Ma comunque si sono visti dei passi in avanti nella PL2 rispetto alla PL1, come ha ribaduto lo stesso pilota:

“Oggi non eravamo abbastanza veloci, quindi vedremo. Bisogna trovare un bel po’ di passo entro domani, ma credo che sul giro secco dovremmo essere in grado di migliorare abbastanza. Le condizioni sono state più a nostro favore questa sera piuttosto che oggi pomeriggio, ma vedremo domani“.

Vettel chiude la sua intervista, parlando del futuro prossimo della vettura, con il lavoro di sviluppo che lo attende fino al prossimo marzo:

 “Sostanzialmente mi sto godendo le sessioni cercando di sfruttarle al massimo. L’anno prossimo è ancora lontano, siamo all’ultima gara ma mancano ancora alcuni mesi prima dell’inizio del prossimo campionato. Possiamo ancora imparare qualcosa dalla macchina che abbiamo ora e questa può essere anche la chiave per andare più veloci domani”.

Raikkonen non tradisce emozione per il suo ultimo Gp con la Ferrari.
Fonte: Facebook Raikkonen

Di pochissime parole il suo compagno di squadra Raikkonen che si è limitato ad offrire un’analisi non troppo sbilanciata sulle prove di oggi, tesa alla normalità:

“Oggi è stata una sessione normale, all’inizio un po’ più complicata la prima sessione, un po’ più semplice la seconda. Siamo un pochino indietro nei tempi, però vediamo come finirà domani“.

Gli è stato chiesto se senta con particolare emozione gli ultimi giorni con la Ferrari, ma lui ha risposto con un glaciale no.

 

 

Lorenzo Carrega

Informazioni sull'autore
Giornalista Pubblicista. Esperienze in ambito giornalistico locale, non solo di sport, ma anche di cultura e tempo libero. La scrittura è la mia passione
Tutti i post di Lorenzo Carrega