Risultati Live Segui i risultati in tempo reale con LiveScore di Stadio Sport
Centro statistiche Tutti i numeri e le statistiche dello Sport
Comparazione quote Confronta le quote dei bookmakers e vinci le tue scommesse

CALCIO | Il Milan vincerà anche senza Ibra e Thiago Silva. Tornerà Kakà, adesso tocca ad Allegri

Scritto da |
Thiago Silva e Ibrahimovic

Prima Nesta, Inzaghi, Gattuso, Seedorf, Zambrotta e Van Bommel, adesso Thiago Silva e Ibrahimovic. Il Milan, nel giro di qualche mese, ha smantellato una squadra intera dando vita ad un profondo rinnovamento del parco giocatori. Vedere andar via nomi di questo calibro ha messo un po’ di angoscia ai tifosi del Milan che adesso (giustamente) cominciano a nutrire seri dubbi sulla possibilità di conquistare qualche trofeo senza dover aspettare anni ed anni.

Ai tifosi del Milan dico (per quello che possono contare le mie parole) di stare tranquilli. L’operazione Thiago Silva – Ibrahimovic, anche se sentimentalmente sbagliata, andava fatta. Prima di tutto perché è impossibile trattenere giocatori ai quali vengono come ingaggi cifre allucinanti, e poi perché al Milan quei soldi servono come il pane per poter effettuare quel cambio generazionale di cui il club ha bisogno. Per colmare il vuoto lasciato dall’addio dei senatori non si può pensare di fare affidamento solamente ai parametri zero ma bisogna selezionare con cura giocatori che dovranno essere il futuro del Milan, possibilmente giovani e di qualità.

Per fare ciò occorre denaro da investire e le casse dei rossoneri erano pressoché vuote. Con i soldi ricavati dalle cessioni Thiago Silva e Ibrahimovic il Milan potrà ricominciare a muoversi anche per quanto riguarda il mercato in entrata. In difesa arriverà Rolando dal Porto e un terzino sinistro; in attacco i nomi caldi sono quelli di Tevez e Dzeko e anche a centrocampo qualcuno arriverà (piace sempre Lass Diarra). Inoltre non è da escludere il ritorno di Kakà, sempre più lontano dal Real Madrid ed in cerca di un club che possa rilanciarlo.

Leggi Anche

Sono da sempre legato ad un vecchio principio: nel calcio vince chi è più squadra, e chi è più squadra vuol dire che è più forte. Non basta avere grossi nomi in rosa se poi la squadra non gira: la Juventus ha vinto lo scudetto senza avere in squadra né Ibrahimovic né Thiago Silva. Certo non ha avuto gli impegni di coppa e gli infortuni che ha avuto il Milan ma ha dimostrato che con la voglia di vincere e con una buona organizzazione di gioco si possono raggiungere ottimi risultati. Quest’anno nessuna squadra è riuscita a mettere sotto la Juve pur non avendo top player.

Allegri e Ibrahimovic

Adesso il compito più difficile sarà quello di Massimiliano Allegri che dovrà dimostrare il suo reale valore. Fino ad ora le sue idee tattiche sono state frenate dall’anarchico stile di gioco di Ibrahimovic ma con la cessione dello svedese non ci sono più attenuanti sotto questo punto di vista, altrimenti Berlusconi ha già pronto uno tra Guardiola e Van Basten per sostituire il tecnico livornese.

Per questo motivo dico ai tifosi del Milan di non piangersi addosso per le cessioni di Thiago Silva e Ibrahimovic. Il Milan può vincere anche senza di loro. Nascerà un nuovo ciclo e sinceramente la cosa mi affascina molto. Se si vincerà già il prossimo anno non lo so ma di sicuro il Milan sarà li a lottare per farlo. Non fate mancare il vostro appoggio, rinnovate gli abbonamenti e vedrete che alla fine vi divertirete di più nel vedere un Milan che torna a divertire sul piano del gioco (anche se magari qualche partita non andrà per il verso giusto) piuttosto che assistere ad un Ibra contro tutti per 90 minuti a partita.

Gaetano Alfano

Lascia un commento