Risultati Live Segui i risultati in tempo reale con LiveScore di Stadio Sport
Centro statistiche Tutti i numeri e le statistiche dello Sport
Comparazione quote Confronta le quote dei bookmakers e vinci le tue scommesse

FORMULA 1, GP DI MONACO 2012 (MONTECARLO) | Gara, ordine d’arrivo: Webber principe di Monaco. Alonso leader solitario

Scritto da |
Mark Webber

Mark Webber su Red Bull si aggiudica la settantesima edizione del GP di Monaco di Formula 1, uno degli appuntamento più attesi dell’intero mondiale. Il pilota australiano trionfa nella sesta gara della stagione 2012 alla fine di una corsa dai due volti, non bellissima nella prima parte, al cardiopalma in un finale condizionato dalla pioggia. Sesto vincitore diverso in sei gare quest’anno, a dimostrazione di un equilibrio senza precedenti. Insieme al vincitore, salgono sul podio il tedesco della Mercedes Rosberg, ottimo secondo, e lo spagnolo della Ferrari Alonso, giunto terzo. Quarto, invece, il campione del mondo Sebastian Vettel.

Grazie al risultato di oggi, Alonso sale al comando della classifica generale staccando Vettel, a quota 73 punti e raggiunto proprio da Webber, mentre la Red Bull veleggia solitaria in vetta alla classifica costruttori. Con questa vittoria, la scuderia anglo-austriaca diventa la prima squadra a vincere almeno due gare in questo pazzo inizio di mondiale 2012. Gara come detto non spettacolare dal punto di vista agonistico, come spesso avviene a Montecarlo, con l’assenza assoluta di sorpassi, ma avvincente fino alla fine per i distacchi minimi tra i piloti alla fine della gara. Out dopo pochi metri Grosjean con la Lotus, mentre fuori dai giochi per problemi di varia natura Schumacher e Button.

Pronti, via e c’è subito un colpo di scena, col francese della Lotus, Grosjean, che, partito quarto in griglia, nel tentativo di mantenere la posizione si tocca con la sua monoposto prima con Alonso e poi con Schumacher, finendo in testa-coda dopo poche curve. Problemi anche per Maldonado che si ferma nel bel mezzo del circuito ed inevitabile entrata in pista della safety car dopo appena un paio di giri. Prima parte della gara senza grandi emozioni, con il poleman Webber a fare l’andatura e prime posizioni congelate. Inizia il valzer dei pit stop e Vettel, partito in nona posizione e autore di un primo stint di gara lunghissimo, prende la testa della corsa, prima rientrare anch’egli ai box. Finite le soste per il rifornimento e il cambio gomme, si ristabiliscono le gerarchie di inizio gara, con l’australiano della Red Bull a fare l’andatura, con Rosberg e Alonso, che aveva superato Hamilton durante i pit stop, a inseguire.

Finale concitato, con la pioggia annunciata per l’intera durata della gara che arriva solo nel finale e che annulla i distacchi delle prime sei posizioni, tanto che a fine gara i primi tre saranno racchiusi in un solo secondo e tre decimi. Sembra che possa succedere di tutto, ma l’illusione delle cattive condizioni meteorologiche possano stravolgere l’ordine della corsa dura ben poco, non lasciando spazio a sorprese. Alla fine vince Webber che precede Rosberg e Alonso che completano il podio. Quarto l’iridato Vettel, ancora una volta fuori dalle prime tre posizioni, mentre Hamilton e Massa, al miglior risultato stagionale, chiudono rispettivamente quinto e sesto.

L’ordine d’arrivo del GP di Monaco 2012.

Ordine d’arrivo

Pilota

Scuderia

Distacco

1 Webber Red Bull 1h46:06.557
2 Rosberg Mercedes 0.643
3 Alonso Ferrari 0.947
4 Vettel Red Bull 1.343
5 Hamilton McLaren 4.101
6 Massa Ferrari 6.195
7 Di Resta Force India 41.500
8 Hulkenberg Force India 42.500
9 Raikkonen Lotus 44.000
10 Senna Williams 44.500
11 Perez Sauber 1 giro
12 Vergne Toro Rosso 1 giro
13 Kovalainen Caterham 1 giro
14 Glock Marussia 1 giro
15 Karthikeyan HRT 2 giri

Classifica piloti: Alonso 76, Vettel e Webber 73, Hamilton 63, Rosberg 59, Raikkonen 51, Button 45, Grosjean 35, Maldonado 29, Perez 22, Kobayashi 19…

Classifica costruttori: Red Bull 146, McLaren 108, Lotus e Ferrari 86, Mercedes 61, Williams 44, Sauber 41,  Force India 28, Toro Rosso 6.

Michele Pannozzo

Lascia un commento:

Leave a comment

You must be Logged in to post comment.